Mercoledì 23 Ottobre 2019 | 03:46

Il Biancorosso

la partita
Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI disagi
Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

 
LecceUN 22enne
Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

 
TarantoA 8 giorni dal via
Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

 
BrindisiDanni a impianto
Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

 
BatIl caso
Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

 
PotenzaSicurezza in città
Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

 
MateraL'intervista
Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

 

i più letti

Mobilitati anche i lavoratori agricoli e forestali pugliesi

BARI - Braccianti in sciopero in tutt'Italia per otto ore. Domani, venerdì, braccia incrociate davanti ad un lavoro che non rende più e a un Governo che penalizza la loro categoria.
In Puglia, su 140mila lavoratori del settore, saranno circa in 30mila a partecipare alle manifestazioni indette in tutte le province della Regione.
A Taranto, Brindisi e Lecce presidi sotto le sedi della Prefettura, mentre a Foggia i manifestanti, partendo dalla stazione, arriveranno nella piazza centrale della città per il comizio. I lavoratori baresi, infine, verranno convogliati ad Andria, dov'è prevista una grande manifestazione con comizio finale.
Onofrio Bufano, segretario regionale Uila-Uil precisa le ragioni della protesta nazionale: «Oltre all'ingiusto taglio dell'indennità di disoccupazione, il decreto Alemanno, per la crisi sulla produzione, ha riconosciuto benefici solo per le aziende, ignorando i lavoratori agricoli, occasionali e abituali». Inoltre, alla categoria dei cosiddetti permanenti è stata abbattuta l'indennità di disoccupazione, pari a 1200 euro l'anno.
«Altro punto doloroso - aggiunge Bufano - è che avendo il Governo, nella Finanziaria, ridotto i contributi alle aziende, resta un 8,54% che non si sa che fine faccia. Vogliamo sapere se viene restituito ai lavoratori o, comunque, essere messi a conoscenza della destinazione di questo danaro. Esigiamo spiegazioni che lo Stato è tenuto a darci».
Stefania Lisena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400