Lunedì 18 Gennaio 2021 | 02:49

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Schroeder favorevole alla rimozione dell'embargo

PECHINO - Il cancelliere tedesco Gerhard Schroeder, in una visita in Cina che si accavalla con quella del presidente Carlo Azeglio Ciampi, ha affermato oggi di essere favorevole alla rimozione dell'embargo sulla vendita di armi all'esercito cinese. La stessa posizione è stata espressa in precedenza da Ciampi e dal presidente francese Jacques Chirac, segnando un importante successo della Cina sulla via della revoca dell'embargo imposto dall'Europa nel 1989 dopo il massacro di centinaia di studenti su piazza Tiananmen. Schroeder, alla sua sesta visita in Cina in sei anni, si è occupato soprattutto delle relazioni economiche e commerciali, ottime, tra i due paesi. Il cancelliere ha presenziato alla firma dell' accordo col quale la Air China, compagnia di bandiera cinese, ha acquistato 23 aerei prodotti dal consorzio europeo Airbus per un valore di 1,3 miliardi di dollari. La firma ha messo fine alle speculazioni secondo le quali Pechino avrebbe potuto bloccare l' accordo in una forma di pressione per l' abolizione dell' embargo. La Cina aveva in precedenza smentito l' esistenza di un legame tra le due trattative. Schroeder ha ripetuto con chiarezza la sua posizione favorevole alla rimozione dell' embargo che, ha detto, è un «retaggio della guerra fredda». Con i pronunciamenti di Ciampi - e del ministro degli esteri Gianfranco Fini, che lo accompagna nella sua visita in Cina - e del leader tedesco la Cina affronterà nel migliore dei modi il vertice con l' Unione Europea che si terrà l' 8 dicembre in Olanda. «Sono sempre dell' opinione che dobbiamo ritirare l' embargo - ha detto - e spero che il vertice mandi un importante segnale in questa direzione». Secondo diplomatici europei, nell' Unione sta emergendo un consenso sul rinvio dell' abolizione dell' embargo all' anno prossimo, quando sarà stato varato un «codice di condotta» europeo sulla vendita di armi all' estero che renda la decisione meno traumatica.
«L' economia cinese sta crescendo in modo molto dinamico. Chiunque se ne può rendere conto. Una delle parti centrali di questa crescita sta nell' industria automobilistica», ha detto il cancelliere inaugurando un nuovo stabilimento della DaimlerChrysler AG, che nei prossimi dieci anni prevede di vendere in Cina 50mila vetture all' anno.
Domani, prima di volare a Tokyo, Schroeder aprirà un impianto della Volkswagen a Changchun, nel nordest della Cina. Ultimo tema toccato da Schroeder nella sua visita - nel corso della quale incontrerà il primo ministro Wen Jiabao ed il presidente Hu Jintao - il cambio dello yuan, la moneta cinese legata al dollaro in una ristretta fascia di fluttuazione. Funzionari della delegazione tedesca hanno detto che la Germania «non è contenta» dell' attuale tasso di cambio dello yuan, che giudica artificialmente basso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400