Domenica 24 Gennaio 2021 | 13:44

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
LecceEconomia
Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

Clementine IGP (Indicazione Geografica Protetta)

PALAGIANO (TA) - L'importante riconoscimento di qualità agli agrumi di Taranto è stato ottenuto dall'Unione Europea nel novembre dello scorso anno.
L'IGP (Indicazione Geografica Protetta) è stato assegnato alle clementine del golfo di Taranto, individuante le zone di produzione comprendente i comuni di Palagiano, Massafra, Ginosa, Castellaneta, Palagianello, Taranto e Statte.
I numeri di questa coltura tipica ionica sono considerevoli che, secondo i più aggiornati dell'Assessorato all' Agricoltura della Puglia, interessa ben 4.333 ettari di superificie, che consentono un produzione di elevata qualità di oltre 500.000 quintali l'anno ed un ricavo lordo di poco meno di 20 milioni di euro.
Dati che parlano da soli e che dimostrano, oltre un risultato soddisfacente per i produttori, un'incisività sui mercati di grossa caratura.
Questi dati, infatti, dimostrano, che i consumatori dei mandarini del Golfo di Taranto si avvicinano ad un prodotto ottenuto con l'alta professionalità dei coltivatori. Prodotto, a sua volta, qualificante di questo settore della Puglia con cui si offre le migliori garanzie di trasparenza e certezza ai consumatori, che in tal modo possono scegliere prodotti di qualità attraverso etichettature indicanti la provenienza e la specificità del prodotto.
Punto di forza, perciò, è la rintracciabilità del prodotto, garantita dall'obbligo dei produttori ionici di iscrivere le proprie aziende in appositi elenchi gestiti dagli organi di controllo comunitario.
La data di avvio e di applicazione dell'idea di porre la richiesta della denominazione "Clementine del Golfo di Taranto" come Indicazione Geografica Protetta, in virtù dei regolamenti comunitari europei, si fissa nel 1995 in occasione del rilancio della Sagra del Mandarino di Palagiano con la pubblicizzazione della costituzione del Consorzio.
Associazione che si costituì nel settembre 1997 ed entrarono a farvene parte i Comuni di Palagiano, Massafra, Palagianello, Ginosa, associazioni di produttori e singoli agrumicoltori.
Col riconoscimento dell'IGP, il Consorzio in futuro si è impegnato alla divulgazione ed attuazione del programma approntato per la crescita del territorio e dell'economia dei Comuni interessati.
Il Consorzio, inoltre, ha sollecitato, gli Enti pubblici, soprattutto Provincia di Taranto e Regione Puglia, a destinare maggiori finanziamenti in quanti soggetti preposti allo sviluppo dell'economia e del territorio.
Collateralmente è stata sviluppata una incisiva campagna di sensibilizzazione verso i produttori e commercianti per aderire al Consorzio, in modo tale da poter concentrare l'offerta ed aumentare il potere contrattuale nei confronti dell'intero mercato settoriale. Il conferimento dei clementini in quantità sempre più elevata potrà contribuire a creare una sola rete di commercializzazione.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400