Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 15:23

GDM.TV

i più visti della sezione

Blasi alle nozze della figlia del boss

POTENZA - L'on. Gianfranco Blasi (Forza Italia) - per il quale il gip di Potenza, Alberto Iannuzzi, ha chiesto l'arresto e la detenzione in carcere per associazione per delinquere di tipo mafioso - il 2 settembre 2000, quando era ancora consigliere regionale della Basilicata, partecipò alla festa di matrimonio della figlia di Pio Albano, ritenuto elemento di spicco del clan guidato da Renato Martorano.
La partecipazione di Blasi al matrimonio fu rilevata dai carabinieri. La festa - dopo la messa celebrata nella cattedrale di Potenza - si svolse in un albergo nei pressi di Campagna (Salerno). Blasi, la cui presenza non fu rilevata in chiesa, giunse in albergo sulla sua automobile, guidata da un' altra persona. Secondo l'accusa, alla festa parteciparono altri appartenenti al clan Martorano.
Il particolare fa parte di un «quadro» nel quale i pubblici ministeri che coordinano l'inchiesta - Vincenzo Montemurro ed Henry John Woodcock - hanno ricostruito il «patto di alleanza» che Blasi, anche da deputato, avrebbe stretto e coltivato con l'associazione mafiosa capeggiata da Martorano. In cambio di «appoggio politico per le gare di appalto alle quali di volta in volta partecipavano le imprese controllate dal clan», Blasi avrebbe ricevuto «favori elettorali», cioè voti.
Secondo l'accusa, inoltre, Blasi avrebbe incontrato «periodicamente» Martorano e «gli imprenditori legati al sodalizio mafioso da lui capeggiato al fine di programmare le linee del suo personale intervento in seno ad organismi istituzionali in favore delle stesse ditte». Blasi, inoltre, si rese «disponibile a partecipare a riunioni di imprenditori lucani e campani, previamente accreditati da Martorano, organizzate per stabilire e concordare le linee programmatiche dell' intervento politico finalizzato a favorire la partecipazione vittoriosa di tali imprenditori ad appalti della Regione Basilicata».
Una parte importante, nei rapporti fra Blasi e Martorano e il clan guidato da quest'ultimo, era svolto dal segretario di Blasi, Rosario Antonio Pace, spesso utilizzato per mettere in contatto i due e fissare e favorire i loro incontri. Pace ieri è stato arrestato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo