Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:19

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Falluja - Cresce l'allarme per la situazione umanitaria: senza cibo nè acqua si rischia la catastrofe

FALLUJA (Iraq) - Niente cibo, nè acqua, nè medicinali. Mentre dalla città , teatro da giorni di violenti combattimenti, si levano alti pennacchi di fumo, migliaia di abitanti a Falluja versano in condizioni al limite dell'umana sopravvivenza. Cresce l'allarme per la situazione umanitaria nella città sunnita: il primo convoglio di aiuti umanitari, giunto ieri alle porte della città, è fermo e non riesce a distribuire gli aiuti, perchè gli americani ritengono sia troppo pericoloso concedere il permesso per entrare nel cuore del centro abitato.
Non è chiaro quanti civili siano rimasti a Falluja, un tempo era abitata da circa 300.000 persone. Secondo fonti irachene, più di due terzi degli abitanti hanno lasciato la città prima degli scontri, ma rimangono almeno 60.000 persone, tra le quali centinaia di bambini; e i rimasti sono ormai stremati da sei giorni di combattimenti. Fonti locali raccontano che il fetore dei corpi in decomposizione ormai impregna l'aria, altri riferiscono di bambini che muoiono perchè impossibile curarli.
Il convoglio della Mezzaluna Rossa (sette mezzi tra camion carichi di beni di prima necessità e ambulanze) è arrivato ieri alle porte della città e non è ancora riuscito ad attraversare l'Eufrate per entrare nel centro. «Le nostra situazione è davvero difficile», ha raccontato un abitante di Falluja da uno dei quartieri del centro, Hay al-Dubat, contattato telefonicamente.
«Non abbiamo cibo nè acqua. I miei sette figli hanno una violenta diarrea. Uno di loro è stato ferito da un proiettile la scorsa notte e sta sanguinando, ma non posso far nulla per aiutarlo». L'uomo, che ha detto di chiamarsi Abu Mustafa, ha confermato che nelle strade si vedono militari statunitensi e uomini della Guardia Nazionale irachena. «Ci sono corpi dappertutto nella strada». Abu Mustafa ha detto di conoscere almeno altre sei famiglie nelle sue identiche condizioni ma poi è scoppiato in lacrime: «Stiamo ancora digiunando, perchè oggi è l'Eid (l'inizio della fine del Ramadan)»; e singhiozzando ha invocato Allah: «Allah Akbar, Allah Akbar (Allah è grande, Allah è grande)».
Per le organizzazioni umanitarie quella di Falluja rischia di essere un disastro umanitario. Il convoglio della Mezzaluna Rossa porta cibo, coperte, pasticche per la purificazione dell'acqua e medicine per le centinaia di famiglia rimaste intrappolate nella città. Per entrare a Falluja, il convoglio deve oltrepassare uno dei due ponti sull'Eufrate, ma i militari americani, nonostante sostengano di aver ormai guadagnato il controllo di gran parte della città, non hanno dato il permesso perchè ritengono la situazione ancora poco sicura. Ma l'organizzazione umanitaria non ha alcuna intenzione di gettare la spugna: «Attenderemo qui il permesso, anche un'altra notte se necessario», ha detto il responsabile del convoglio, Jamal al-Karbouli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400