Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 09:26

GDM.TV

i più visti della sezione

Falluja, due anni di violenze nella città sunnita

L'offensiva su larga scala lanciata dai marines americani sembra preludere alla caduta finale di Falluja. La città sunnita, fin dall'inizio della guerra nel marzo dello scorso anno, è stata spesso teatro di violenze che hanno provocato numerose vittime. Ecco un riepilogo dei più importanti: - 28 aprile 2003: 13 civili iracheni cadono sotto il fuoco dei militari americani. I soldati sparano su un gruppo di manifestanti dalla scuola in cui hanno fissato il loro quartier generale. Il CentCom, il Comando centrale statunitense, assicura che si è trattato di un atto di legittima difesa. Vari testimoni dicono che i manifestanti erano disarmati.
- 30 giugno: una bomba nella moschea cittadina, nei pressi dell'Università al Mustansiriyah, uccide nove persone fra cui l'imam (guida della preghiera) della moschea stessa, sheikh Laith Khalil.
- 12 settembre: otto poliziotti iracheni vengono uccisi per errore ad un posto di blocco dai soldati americani mentre stanno inseguendo un'automobile di rapinatori in fuga e vengono scambiati per guerriglieri che tentano di forzare la barriera.
- 28 ottobre: nell'ambito dell'offensiva della guerriglia irachena, promessa per il mese sacro musulmano del ramadan, esplode un'autobomba che uccide sei persone, fra cui alcuni scolari.
- 8 gennaio 2004: si schianta un elicottero militare statunitense Black Hawk in seguito a quello che le autorità americane definiscono «un atterraggio forzato». Muoiono nove soldati americani.
- 14 febbraio: un gruppo di insorti iracheni attacca una stazione di polizia e il municipio, provocando la morte di 27 persone tra poliziotti, attaccanti e civili.
- 31 marzo: insorti iracheni armati attaccano un convoglio di automobili in un'imboscata sparando agli occupanti. Su due delle auto viaggiano quattro appaltatori della coalizione, che vengono tutti uccisi. Poi un centinaio di iracheni si accaniscono selvaggiamente sui cadaveri già carbonizzati.
- 12 aprile: quattro civili italiani vengono rapiti da un gruppo denominato Falangi di Maometto. Il 14 aprile viene ucciso uno degli ostaggi, Fabrizio Quattrocchi. Gli altri tre, Salvatore Stefio, Umberto Cupertino e Maurizio Agliana, vengono liberati con un blitz l'8 giugno.
- 9 giugno: all'indomani dell'approvazione della Risoluzione Onu numero 1546 sull'Iraq, 12 morti è il bilancio di un attacco a colpi di mortaio portato a termine da un gruppo di insorti contro le forze della polizia irachena guidate dal generale Mohammed Latif, responsabile della sicurezza cittadina.
- 10 giugno: un giovane libanese di 26 anni, Hussein Ali Alyan, e due suoi colleghi iracheni, dipendenti di una società libanese di comunicazioni che partecipa alla ricostruzione del paese, vengono rapiti. Due giorni dopo vengono ritrovati sgozzati e abbandonati sul lato di una strada non lontano da Baghdad.
- 18 luglio: gli americani lanciano attacchi aerei su una presunta postazione degli uomini di Abu Musab Al Zarqawi e uccidono 14 civili iracheni.
- 7 settembre: forze aeree Usa bombardano la città uccidendo circa 100 guerriglieri iracheni. Secondo i Marines, gli edifici colpiti dai raid erano utilizzati dalla guerriglia per sparare sulle posizioni americane.
- 8 novembre: cominciata operazione 'Phantom fury'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia