Sabato 16 Gennaio 2021 | 01:10

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

«Con Bush temo un'altra guerra, come Hitler vuole dominare il mondo»

L'apocalisse secondo Lawrence Ferlinghetti, tra i padri della Beat Generation e una delle anime della coscienza critica americana
SAN FRANCISCO - «Ora che Bush sembra avere vinto, temo un' altra guerra nel mondo»: è apocalittico Lawrence Ferlinghetti, 85 anni, tra i padri della Beat Generation e una delle anime della coscienza critica americana, mentre commenta l'andamento del voto, a spoglio quasi ultimato.
«Se avesse vinto Kerry - aggiunge - allora ci sarebbero state ancora delle speranze per la democrazia. Ora invece potrebbe scoppiare anche una nuova guerra civile, cioè un momento di grande tensione collettiva; ma credo che queste mie parole saranno intese come un'altra paranoia della sinistra».
Poche ore prima, nella sua City Lights, il tempio del movimento culturale e letterario nato a metà degli anni Cinquanta, incontrando il presidente della Regione Toscana Claudio Martini che lo ha voluto salutare nell' ambito della sua visita in California, il poeta gli aveva manifestato tutta la sua trepidazione per il risultato di questa elezione, «la più importante della storia americana, un momento di possibile vera svolta».
Va giù pesante, Ferlinghetti, mentre parla dal suo studio dove il tempo sembra essersi fermato, al 261 di Columbus Avenue, e guarda dalla grande finestra che si affaccia sul quartiere italiano: «c' è paura di brogli elettorali in questo spoglio - osserva con la sua voce bassa ma senza esitazione - e credo ci possa essere davvero il rischio di una certa partigianeria, visto che molti giudici federali sono stati nominati da Bush». Il poeta paragona questo momento della storia americana «con l' avvento del fascismo in Italia, quando c' era una cooperazione totale tra i grandi gruppi industriali e il governo» e definisce ciò «molto pericoloso: è il modo in cui hanno cominciato Hitler e Mussolini». «Ai tempi di Hitler - dice Ferlinghetti - c'erano anche i tedeschi buoni che non credevano alle notizie sulle atrocità del dittatore, non credevano ai suoi piani di conquistare il mondo. Anche oggi abbiamo buoni americani che non credono...», e non finisce la frase.
Il poeta ricorda ancora con angoscia «l'ondata di paranoia successiva all' 11 settembre quando Bush ha varato un pacchetto di leggi, quasi marziali, che hanno tolto la libertà a molti americani. Ecco è quello il governo americano». Ed indica un uccellino in legno con due ali destre, appoggiato su un mobile, su cui è scritto «Il governo Usa: un uccello con le ali a destra». «In quattro anni - dice mentre si appoggia alla prima sedia della libreria datata 1953 - Bush ha fatto danni tremendi alla democrazia americana. Loro intendono dominare il mondo, completamente - racconta ancora il vate della Beat generation, l' uomo che Fernanda Pivano ha definito «il Prevert d' America» - come è scritto nel loro documento chiamato 'Il piano per il 21/o secolo». E lì c'è scritto che la guerra in Iraq era stata decisa da tempo, molto prima che incominciasse. E non sono un paranoico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400