Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 23:00

GDM.TV

La replica della Rai

ROMA - «Sbalorditi», così gli autori della trasmissione "Ma il cielo è sempre più blu", guidati da Giampiero Solari, sono rimasti dopo aver letto le dichiarazioni di Monica Guerritore intervistata dall'Ansa a proposito della mancata partecipazione dell'attrice al programma di Giorgio Panariello ieri sera su Raiuno.
«L'ultima comunicazione avuta con la signora Guerritore, infatti, era un suo biglietto, estremamente affettuoso lasciato a Giampiero Solari, in cui nessuna delle accuse che la signora ha scelto di condividere con le agenzie di stampa era presente. Anzi, i contenuti erano tutt'altri. Inoltre, su richiesta della signora Guerritore abbiamo avvalorato la sua comunicazione che la mancata partecipazione fosse avvenuta per motivi di salute, nonostante l'attrice, con molta leggerezza, abbia lasciato la produzione con un buco nella trasmissione a due giorni dalla diretta».
La vicenda, invece che essere «semplicemente un equivoco quasi ridicolo rischia di essere qualcosa di molto più grave. La censura, infatti, è una cosa estremamente seria e sentirla evocata per scopi a noi incomprensibili, crea in noi, che costruiamo la nostra vita professionale su principi di libertà e di ricerca, una incredibile tristezza».
E a questo punto precisano le modalità di svolgimento della vicenda: «la signora Guerritore era stata fortemente da noi voluta. Per il suo intervento, noi autori con lo stesso Panariello, abbiamo lavorato un'intera giornata per dare il giusto spazio e valore ad una grande attrice, come la Guerritore merita, all'interno dello show di sabato sera. L'intervento dell'attrice consisteva in alcuni momenti di spettacolo, sia da sola che con Giorgio Panariello come è avvenuto con le altre attrici invitate nelle prime due puntate. In particolare, un monologo tratto da un testo di Franca Rame proposto da lei e dai noi subito accettato che è stato ampiamente provato durante le prove di giovedì ,per il quale, come avviene nella costruzione di tutte le trasmissioni, si stava semplicemente decidendo la migliore collocazione in scaletta. L'attrice Monica Guerritore voleva iniziare la puntata con questo monologo teatrale, noi, assieme a Panariello, stavamo ancora valutando se proporlo prima o dopo la sigla iniziale, o comunque dove avesse avuto un senso nel racconto della puntata. Quanto al brano "Dedicato" di Ivano Fossati, anche questo - proseguono gli autori - era stato accettato e preparato negli arrangiamenti dall'orchestra. L'ipotesi, proposta, di cantarla assieme a Panariello, nasceva come avviene nei nostri show da motivazioni puramente artistiche. Costretti dalla situazione ad essere ancora più specifici forse è utile ricordare che la signora Guerritore è sicuramente un'ottima attrice ma questo non significa che sia anche una ottima cantante. Inoltre, gli ospiti nelle nostre trasmissioni non affittano uno spazio che gestiscono per la propria esibizione, ma sono appunto "ospiti" di uno spettacolo che ha la sua matrice artistica a cui occorre adeguarsi. In particolare, per la migliore interpretazione di questo brano si stavano ancora prendendo in esame altri tipi di arrangiamenti o altre ipotesi di esecuzione. Come quella che poteva vedere la Guerritore con la chitarra, a cui si sarebbe unito l'intero cast, per farne un pezzo corale proprio in linea con lo spirito della canzone. Anche in merito alla presunta modifica del testo della canzone, purtroppo, la ricostruzione della Guerritore non corrisponde a verità, poiché, se infatti è vero che sul gobbo era presente un testo diverso da quello a cui fa riferimento la Guerritore, questo era semplicemente perché si trattava di una versione scaricata da internet utilizzata per fare una prima prova. Era ovvia intenzione degli autori utilizzare la versione originale come è stato peraltro assicurato all'attrice».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive