Domenica 21 Aprile 2019 | 14:03

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Martedì 2 novembre l'«Election day»: il presidente Repubblicano George Bush - protagonista della "guerra al terrorismo" e dell'invasione dell'Iraq - sfidato dal Democratico John Kerry

Florida - Primo dibattito televisivo tra John Kerry e George W. Bush WASHINGTON - Fra circa cento ore, le schede cominceranno a essere contate negli Stati Uniti, al tramonto dell'Election Day, il 2 novembre. Ma i giochi sono aperti e, dice John Zogby, un mago nel leggere i segnali della politica a stelle e strisce, «tutto può ancora accadere».
Il presidente George W. Bush e lo sfidante John Kerry, candidato democratico alla Casa Bianca, rivedono momento per momento le loro strategie di fine campagna: bisogna seguire la geografia degli Stati in bilico, azzeccare le mosse giuste.
Bush manda alle Hawaii il vice-presidente Dick Cheney, che farà campagna domenica nell'arcipelago. E Kerry ci spedisce la figlia Alex, accompagnata da un tenore democratico, l'ex vice-presidente Al Gore, candidato battuto nel voto 2000.
Le «isole del paradiso», tradizionalmente feudo democratico - da quando sono Stato, hanno votato repubblicano due volte -, sono balzate alle cronache della campagna in extremis, quando i sondaggi hanno mostrato che, quest'anno, la corsa è serrata anche lì.
Mentre si preparano, rispettivamente, ad attaccare, e a difendere, le Hawaii, Bush e Kerry fanno campagna oggi in due degli Stati più contesi.
Bush, che inizia la giornata nel New Hampshire, ha comizi in Ohio, a Toledo e a Columbus. Kerry raduna sostenitori a Orlando e a West Palm Beach in Florida, prima di spostarsi nel Wisconsin.
I loro numeri due li assistono, sui cammini della campagna.
Cheney e John Edwards percorrono entrambi la Rusty Belt, la cintura della ruggine vetero-industriale, un giacimento che può fornire almeno 70 Grandi Elettori.
L'incertezza della competizione eccita i Dottor Stranamore degli oroscopi politici: ricorsi della storia alla mano, c'è chi, come Stephen Marmon, sul New York Times, prefigura una presidenza Bush/Edwards -costituzionalmente, può starci-; e c'è chi, come Mark Moller, esperto giudiziario, ipotizza una vacanza improvvisa nella Corte Suprema -il presidente William H. Rehnquist è malato di cancro-, con Bush che sceglie il giudice che avrà la parola decisiva in una riedizione di Florida 2000.

LA CRONACA ALIMENTA LE POLEMICHE
Repubblicani e democratici attingono dalla cronaca spunti per attacchi incrociati: Bush vuole instillare negli elettori il dubbio sulle capacità di comandante in capo del rivale; Kerry cerca di mettere in evidenza gli errori del presidente.
Sul voto, resta la minaccia del terrorismo, ravvivata, nelle ultime ore, da un nuovo video: un soldato americano di al Qaida annuncia attacchi contro gli Stati Uniti, fa i nomi di possibili obiettivi, proprio mentre l'Fbi indica, invece, che le «chiacchiere» sul web su possibili attentati sono andate smorzandosi. Però, Fbi e polizia di frontiera hanno arrestato oltre cento persone considerate potenzialmente «una minaccia» e ne tengono «sotto sorveglianza» centinaia d'altre.
Ci sono, poi, i sussulti che imbarazzano l'Amministrazione, e inducono Cheney a una marcia indietro, sulle 380 tonnellate d'esplosivo scomparso in Iraq (adesso, il Pentagono sostiene di averne distrutto buona parte, ma senza prove convincenti).
E l'economia manda segnali contraddittori: la crescita è buona, 3,7% nel terzo trimestre, ma è inferiore alle attese; e la fiducia dei consumatori non decolla.

SONDAGGI IN STALLO
C'è gran movimento su tutti i fronti meno che su quello dei sondaggi, dove le cifre continuano a indicare equilibrio estremo tra Bush e Kerry: parità piena, sancisce Zogby, che prende il polso della contesa ogni giorno; e il rilevamento di "Abc" e "Washington Post" vede Bush avanti d'un punto, il che statisticamente non vuole dire nulla.
Anche i dati dagli Stati in bilico non fanno chiarezza: nei calcoli più prudenti, Bush è sicuro di disporre di 191 grandi elettori e Kerry di 175, ma 172 restano da assegnare. Anche chi si sbilancia e incasella qualche Stato in più non arriva mai a mettere insieme la maggioranza (270 su 538 Grandi Elettori) per l'uno o per l'altro.

IL CAMPIONE DISERTA, L'ATTORE SI PRESENTA
Per Bush, quella di giovedì è stata l'ultima notte alla Casa Bianca prima del voto: il presidente non progetta, infatti, di rientrare a Washington prima di martedì prossimo, dopo avere votato a Crawford, in Texas.
Nei comizi odierni, che i suoi collaboratori affermano «vengono dal cuore», Bush riceve, nell'Ohio, l'appoggio di Arnold Schwarzenegger, governatore della California, che è a Columbus per un appuntamento di culturisti.
Invece, il presidente è «tradito», nel New Hampshire, da Curt Schilling, lanciatore dei Red Sox di Boston, la squadra di baseball per cui tifa Kerry, appena laureatasi campione d'America. L'atleta, che è un sostenitore di Bush, nega di avere mai avuto intenzione di partecipare al comizio: c'è stato un disguido, o una beffa, via internet.
Kerry, ieri, nell'Ohio, s'era presentato sul palco con Bruce "the Boss" Springsteen, di fronte a una folla strabocchevole per un evento politico, 80 mila persone. Oggi, in Florida, c'è meno gente ad ascoltare i discorsi di sintesi della campagna: una somma dei motivi per cui Bush deve lasciare la Casa Bianca e Kerry deve sostituirlo.
Giampiero Gramaglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

 
Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

 
La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

 
Ruspe a Borgo Mezzanone

Ruspe nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: impegnati 209 agenti