Lunedì 18 Gennaio 2021 | 15:42

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzala protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
Baril'inaugurazione
Bari, posa prima pietra cantiere sede Cnr nell'ex Manifattura tabacchi

Bari, posa prima pietra cantiere sede Cnr nell'ex Manifattura tabacchi

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BrindisiNel Brindisino
San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

De Rita: «un sistema di comunicazione sempre più 'politeista'»

ROMA - Il mondo della comunicazione «sta diventando sempre più irrimediabilmente politeista: alla successione libro-giornale-radio-tv-telefonino si è sostituita una compresenza di media, in cui nessuno riesce a sbaragliare gli altri». Così Giuseppe De Rita, segretario generale del Censis, commenta i dati del quarto rapporto sulla comunicazione in Italia, «I media che vorrei».
«In questo quadro - sottolinea De Rita - il meccanismo vincente è la presa di possesso: chi conquista uno spazio vi si gioca tutto. Ma un sistema così frastagliato crea anche problemi: spesso i dati risultano diversi se rilevati da aziende diverse, e non ci aiutano più». Dall'indagine è risultato infatti che è sempre più difficile conciliare le aspettative dei lettori di libri con quelle degli ascoltatori della radio o dei navigatori di Internet o dei telespettatori; analoghe le difficoltà quanto si analizzano i gusti o le preferenze all'interno dello stesso pubblico della tv, dei giornali o della radio.

«Non c'è più l'utenza media», sottolinea il direttore generale dell'istituto, Giuseppe Roma. «La massima percentuale delle risposte oscilla tra il 32 e il 40%, il resto è molto articolato nelle opinioni, nei comportamenti. Il vero problema è dunque aggregare il consenso di questo 60-70%: di qui la forza politica dei media, che ne ha ormai sostituito anche l'impatto sociale».
Altro aspetto che emerge, secondo Roma, è il fatto che «l'Italia è ormai un Paese orale: oltre l'80% dei nostro connazionali usa il telefonino per stare sempre in contatto con gli altri. Ma è anche un Paese che sta perdendo molte delle sue competenze». Prossima tappa, la credibilità dei giornalisti: sarà il tema del quinto rapporto sulla comunicazione, in programma per il 2005.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400