Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 13:18

GDM.TV

SCHEDA - Il movimento terrorista Ansar al Sunna

ROMA - Il movimento terrorista Ansar al Sunna, che oggi ha diffuso su un sito internet immagini fotografiche dell'uccisione di undici soldati iracheni rapiti la scorsa settimana, era già stato responsabile dell'assassinio di 12 ostaggi nepalesi, la più sanguinosa da quando in Iraq è iniziata la stagione dei rapimenti. All'inizio di ottobre, inoltre, lo stesso movimento terrorista aveva diffuso in internet il video della decapitazione di un iracheno che lavorava per i militari Usa Rapiti il 20 agosto, i nepalesi erano stati uccisi una decina di giorni dopo e il sito del gruppo aveva mostrato una sequenza di foto con lo sgozzamento di un uomo e immagini di corpi crivellati da colpi di arma da fuoco.
Ritenuto una frangia del gruppo Ansar al-Islam, a sua volta indicato come cellula in Iraq di Al Qaeda, Ansar al Sunna (i seguaci della Sunna, ossia della tradizione), come il gruppo Ansar al Islam, è un'organizzazione fondamentalista di musulmani sunniti, considerata vicina al wahabismo, culla dell'ortodossia musulmana, ed ha probabilmente le sue basi nel Kurdistan iracheno.
I suoi primi attentati in Iraq risalgono al dicembre 2003 ed ebbero come obiettivo soldati americani. L'organizzazione terroristica rivendicò anche l'attentato di Arbil, nel Kurdistan iracheno, dove l'1 febbraio scorso due kamikaze si fecero esplodere nelle sedi del Partito Democratico del Kurdistan e l'Unione Patriottica del Kurdistan. Nei due attentati morirono oltre 100 persone.
Ansar al Sunna passò quindi a colpire quelli che considera dei collaborazionisti: l'1 luglio fece saltare in aria con un'autobomba, a Baghdad, il direttore del servizio controllo finanziario presso il ministero delle Finanze, Ihsane Karimun, e il 26 agosto scorso avrebbe eliminato Jamal Salman, un'iracheno di Baghdad, considerato una spia americana.
Il loro sito resta l'interfaccia per comunicare e smentire sanguinose azioni. Il 4 luglio scorso Ansar al Sunna, che aveva rivendicato il rapimento del marine americano di origine libanese, Wassef Ali Hassoun, aveva in maniera piccata smentito la decapitazione del marine: «la dichiarazione che veniva spacciata per nostra - si affermava nel comunicato - non ha nessun fondamento nella verità...noi abbiamo un sito web ufficiale attraverso il quale pubblichiamo le nostre dichiarazioni». Il 6 luglio il marine venne liberato dopo aver promesso di non tornare a far parte dell'esercito americano.
Il 27 settembre, le forze americane hanno catturato a Kirkuk, nel nord dell'Iraq, Mohammad al-Jabburi, ritenuto il leader del gruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi Il sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights