Domenica 16 Dicembre 2018 | 00:28

GDM.TV

I sindacati: manovra ingiusta e sbagliata

ROMA - Cgil, Cisl e Uil, «preso atto dell'indisponibilità e insensibilità del governo a misurarsi con le posizioni espresse dal mondo del lavoro e a sostegno delle proprie ragioni e proposte alternative esplicitate nel documento - si legge nella nota unitaria dei sindacati - indicono quattro ore di sciopero generale da svolgere su base territoriale per martedì 30 novembre 2004, da preparare con diffusione capillare, assemblee nei luoghi di lavoro e sul territorio, confronti, iniziative e mobilitazioni».

Una manovra finanziaria «ingiusta sbagliata e inadatta a rispondere alle esigenze del Paese» che va corretta al più presto rinunciando alla riforma fiscale e varando una nuova politica dei redditi: Cgil, Cisl e Uil hanno diffuso oggi il loro documento unitario sulla manovra contro la quale è stato appena annunciato uno sciopero generale di quattro ore per il 30 novembre.
Secondo i sindacati le incertezze sui provvedimenti per lo sviluppo rendono la manovra «ancora più rischiosa. Si cerca, infatti, scrivono i sindacati nel documento - di affrontare i problemi di risanamento della finanza pubblica attraverso una formula matematica rigida, consistente in tagli lineari e quindi indiscriminati, rinunciando ad orientare l'economia verso obiettivi di crescita, particolarmente necessari ed urgenti alla luce della grave situazione economica produttiva e sociale e del Paese».
Cgil, Cisl e Uil ribadiscono inoltre la loro «contrarietà a ipotesi di tagli fiscali indiscriminati e alla eliminazione della progressività delle imposte. La riforma fiscale in discussione - scrivono - è inutile e sbagliata e se ne chiede il ritiro». La prima esigenza invece secondo i sindacati è «il ripristino di una nuova politica dei redditi che rafforzi il potere d'acquisto di retribuzioni e pensioni, attraverso il rinnovo dei contratti nazionali e la destinazione di una quota del Pil alle pensioni ed una politica fiscale realmente redistributiva che faccia dell'equità e della lotta all'evasione una scelta coerente».
I sindacati chiedono una «vera lotta all'evasione» , una armonizzazione europea delle aliquote sulle rendite finanziarie e la riduzione delle spese militari per reperire così le risorse per lo sviluppo e per gli incentivi da destinare soprattutto a ricerca, formazione e innovazione.
I sindacati chiedono di «scorporare da ogni limite del 2% le risorse destinate alla formazione, agli investimenti pubblici e infrastrutturali, soprattutto per il Mezzogiorno, alla copertura dei contratti aperti, allo stato sociale previdenza, sanità, scuola, sicurezza sui posti di lavoro, politiche sociali - agli ammortizzatori sociali, ai lavori socialmente utili e agli immigrati».
«Cgil, Cisl e Uil - si legge nel documento - chiedono al Governo di modificare radicalmente la manovra di bilancio e di avviare, come più volte annunciato, ma mai attivato, un confronto col sindacato sulle seguenti priorità: la piena occupazione ed il lavoro di qualità, il rafforzamento del potere d'acquisto di retribuzioni e pensioni, il rilancio dell'economia, la difesa e la qualificazione dello stato sociale».
Inoltre si chiede il «rafforzamento del potere d'acquisto di retribuzioni e pensioni attraverso misure di fiscalizzazione a favore delle basse retribuzioni e forme di riduzione dell'imposizione fiscale a favore dei lavoratori dipendenti; la restituzione integrale del fiscal drag; la parità tra dipendenti e pensionati nella soglia della 'no-tax areà; il riconoscimento di specifiche detrazioni per gli ultra settantacinquenni; la previsione di misure economiche per i redditi incapienti; la conferma della clausola di salvaguardia e sua applicazione per la tassazione del Tfr restituendo quanto, dal 2003, indebitamente sottratto a quanti hanno cessato il loro rapporto di lavoro».
Sul fronte dell'inflazione e del potere d'acquisto i sindacati chiedono al Governo di «riavviare un'incisiva azione concordata su riduzione dei prezzi e contenimento delle tariffe. In questo quadro - affermano - deve aprirsi un tavolo congiunto di coordinamento, anche con le istituzioni locali. In tale strategia diviene urgente la conclusione dei contratti di lavoro aperti e il contestuale avvio della previdenza complementare dei dipendenti pubblici come parte integrante della manovra finanziaria». I sindacati chiedono che le risorse per gli investimenti per il Mezzogiorno vengano riportate al 45% della complessiva spesa per gli investimenti, escludendo, inoltre, che per tali spese si applichi il tetto e prevedendo il ripristino delle risorse tagliate oltrechè di quelle nazionali addizionali ai Fondi Comunitari.
Cgil, Cisl e Uil su questa impostazione - conclude il documento - «chiedono di correggere l'attuale indirizzo e definire una manovra che, pur nelle difficoltà della attuale fase, consenta di tenere insieme, con il più largo consenso, rigore, crescita, equità e solidarietà».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini