Venerdì 14 Dicembre 2018 | 13:06

GDM.TV

Progetto di scambio culturale Italia-Russia

TARANTO - Mai come quest'anno è stato ritenuto propizio il «percorso istituzionale allargato» avviato da un gruppo di scuole aderenti al «Progetto Russia», composto dagli istituti scolastici Aristosseno, Battisti, Bettolo, Colombo, Foscolo, Galilei, Righi, Ipsar di Leporano e Ipsar di Crispiano( www.progettorussia.it).
Questo progetto, avviato come scambio culturale che ha contribuito ha rendere più forte il feeling della provincia ionica con la Russia, si è esteso sino a divenire volano di migliori opportunità per l'economia ed il turismo.
La recente missione a Mosca, nell'ambito del progetto scolastico, è stato ritenuto più che positivo dalla delegazione, formata da istituzioni ed imprese locali, che hanno accompagnato nella capitale russa gli istituti scolastici di Taranto.
La delegazione ha quindi potuto "toccare con mano" che tre mondi, molto spesso tra loro estranei, quali la scuola, appunto, gli Enti locali e l'impresa si sono trovati, nell'occasione, intrecciati nello stesso progetto, finalizzato allo sviluppo del territorio.
Il progetto "in rete" delle scuole italiane con altrettante moscovite, con cui sono gemellate, porta avanti a livello scolastico incontri annuali nell'ambito del "Progetto Russia" per accrescere le opportunità formative agli studenti delle due Nazioni.
Nel periodo estivo, in concomitanza dell'annuale rassegna "Ragazzi in Gamba" varata nell'ambito del progetto interculturale, vi sono scambi di soggiorno presso famiglie nelle città di Taranto e Mosca.
Nel corso della recente visita a Mosca, è stato sottoscritto un protocollo d'intesa finalizzato al gemellaggio tra la rassegna italiana «Ragazzi in Gamba» ed il festival moscovita delle attività espressive, ora all'esame del sindaco di Mosca, Turi Luzkov.
In quest'ambito è stata annunciata un'iniziativa per dicembre, quando si terrà a Taranto un workshop internazionale sui temi della didattica della pace.
I dirigenti scolastici, divenuti anche "promotori" di successo del proprio territorio in terra russa, hanno richiesto agli imprenditori tarantini che possa attuarsi una joint-venture di tipo culturale e di sviluppo.
Un impegno richiesto dalla scuola al mondo imprenditoriale perché il 2005 è l'anno del Made in Italy a Mosca, offrendo, in cambio, il proprio progetto scolastico al servizio del territorio e contributo alla città.
La prima proposta avanzata dalle scuole è stata quella di istituire a Taranto, tramite la Società Dante Alighieri, un «Plita», ossia un Centro certificatore delle lingua italiana per stranieri.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita