Giovedì 13 Dicembre 2018 | 01:24

GDM.TV

La legge ancora carente

In Italia, l'attenzione al tema dello sviluppo sostenibile ha avuto inizio intorno al 1993, con l'approvazione da parte del Comitato Interministeriale per la Pianificazione Economica (Cipe) del Piano Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (Pnss) finalizzato all'implementazione di Agenda 21.
Per la prima volta il governo italiano adotta un programma che concilia obiettivi economici e qualità dei fattori ambientali nel perseguimento dello sviluppo sostenibile. Il Piano costituisce la risposta italiana agli impegni assunti a livello internazionale, insieme ad altri paesi, per il raggiungimento di progressi concreti attraverso l'integrazione delle problematiche ambientali nel processo di definizione delle politiche economiche nazionali.
Detto piano, aggiornato nel 2000, tuttavia non individua criteri per una edilizia biocompatibile ed ecosostenibile e, pertanto non ha ancora generato una politica nazionale volta alla qualità dell'abitare, nel suo complesso.
E' utile sottolineare la attuale mancanza di una politica armonizzata, mirata al raggiungimento della qualità dell'abitare attraverso la definizione di indicatori capaci di consentire la corretta valutazione delle performance ambientali delle costruzioni «ecologiche».
Questa legge quadro che, ha lo scopo di incrementare il risparmio energetico, purtroppo non prende in considerazione negli schemi di calcolo alcune tecniche e materiali innovativi, quali: utilizzo di Tim (materiale la cui struttura a nido d'ape permette l'accumulo e il mantenimento del calore all'interno di camere d'aria e Muri di Trombe), nonché alcune caratteristiche indispensabili dei materiali stessi quali la loro traspirabilità e/o capacità termica, la premialità verso l'utilizzo di tecnologie solari attive e passive, l'efficienza energetica dei dispositivi di produzione del calore, l'illuminazione naturale, il recupero del calore, ecc.
In pratica 13 anni di corretta realizzazione energetica degli edifici sono andati persi ma, cosa ancora più grave è andata persa la possibilità di aver già da tempo impostato una corretta politica energetica nazionale.
Si spera che migliori risultati possa produrre la nuova Direttiva Comunitaria sulla certificazione energetica degli edifici 2002/91/CE approvata dalla Commissione Europea in data 16/12/02 e pubblicata in data 4/01/03 e che dovrà essere dovrà essere recepita da tutti gli Stati membri entro il 4/01/06.

In sintesi, i fattori decisivi di valutazione della eco-compatibilità delle costruzioni sono l'utilizzo delle risorse energetiche rinnovabili e l'ottimizzazione del loro utilizzo, così come l'uso di materiali costruttivi che nel processo provocano un minor danno possibile per l'ambiente. I sei criteri individuati sono:
· Richiesta energetica per riscaldamenti inferiore a 50KWH/mq/anno.
· Nessun utilizzo di fonti energetiche di origine fossile.
· Nessun utilizzo di isolamenti termici sintetici e/o contenenti fibre nocive.
· Nessuno utilizzo di pavimenti, finestre e porte in PVC.
· Nessun utilizzo in ambienti chiusi di impregnanti chimici per il legno, di colori e di vernici contenenti solventi.
· Nessun utilizzo di legno tropicale.

Fonte: Laura Rubino - bioarchitetto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive