Martedì 11 Dicembre 2018 | 01:32

GDM.TV

i più visti della sezione

Il ministro dell'Ambiente Altero Matteoli: dobbiamo puntare su nuovi termovalorizzatori e sulla raccolta differenziata

Altero Matteoli ROMA - In tema di rifiuti l'Italia ha all'attivo «una precisa linea politica che abbiamo tracciato, e va dal potenziamento della raccolta differenziata al riciclo ai termovalorizzatori, impianti con i quali si risolve il problema dei rifiuti». Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Altero Matteoli, aprendo il congresso dell'International Solid Waste Association (Iswa) che dopo trent'anni torna a riunirsi in Italia, a Roma.
«Nel settore rifiuti - ha detto Matteoli - occorre una linea politica precisa. E per l'Italia questa linea politica parte dall'obbligo di rafforzare la raccolta differenziata, ancora ferma al 5-6% al sud e al 15% al centro contro il 30% del nord, anche se negli ultimi mesi c'è stato un incremento in alcuni Comuni del meridione che testimonia una cresciuta coscienza ambientale».
Seconda tappa il riciclo dei rifiuti, quindi la realizzazione dei termovalorizzatori.
«Per i termovalorizzatori - ha sottolineato Matteoli - occorre un impegno massimo da parte della politica per tranquillizzare i cittadini. Troppo spesso nascono comitati contro questi impianti, non solo in Campania ma anche in tante altre parti d'Italia. Ma nascono anche comitati contro le discariche e siccome i rifiuti o vanno in discarica o si bruciano, la politica deve essere in grado di tranquillizzare e dare risposte certe».
«È su questa strada che stiamo lavorando», ha detto il ministro rilevando il rapporto «forte e sentito con Regioni e Comuni perché il senso di responsabilità ci obbliga a lavorare insieme».
Secondo Matteoli il problema dello smaltimento dei rifiuti è risolvibile «con un grande impegno e collaborazione istituzionale». Impegno che «vale soprattutto per l'Italia dove gli enti locali hanno più forza che in altri Paesi e dove il territorio si presenta con caratteristiche particolari e con bellezze naturali da preservare. Quindi - ha concluso - ciò che è possibile in altri Paesi in Italia non lo è, penso all' eolico che da noi rappresenta un problema».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca