Sabato 15 Dicembre 2018 | 05:41

GDM.TV

Patricia Saboya Gomes, presidente Commissione parlamentare d'inchiesta sugli abusi dei minori del Brasile: l'Italia tra i paesi sfruttatori

ROMA - L'Italia è fra i paesi in cui arriva il maggior numero di ragazze brasiliane destinate allo sfruttamento sessuale. Lo ha denunciato, a Montecitorio, dove è in corso la conferenza mondiale delle donne parlamentari sui diritti dell'infanzia, Patricia Saboya Gomes, presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli abusi dei minori del senato federale del Brasile.
La parlamentare, citando i risultati della Pestraf (una ricerca sulla tratta di donne, bambini e adolescenti a fini di sfruttamento sessuale commerciale), terminato nel 2002 e realizzato dall'Organizzazione degli stati americani (Oea), ha evidenziato che la criminalità organizzata in Brasile utilizza 241 rotte terrestri, marittime e aeree per sfruttare sessualmente donne e bambini. Di queste rotte, 131 sono collegate con l'estero. I paesi stranieri maggiormente coinvolti in questo traffico sono la Spagna, l'Olanda, il Venezuela, l'Italia e il Portogallo. Per quanto riguarda il nostro paese, il rapporto ha inoltre rilevato che la rotta principale che lo interessa parte da Fortaleza, prosegue per la Spagna, la Germania e poi giunge in Italia. Le adolescenti - ha precisato Saboya Gomes - sono reclutate, in primo luogo, da reti di sfruttamento nazionale. La tratta non è però soltanto internazionale; all'interno del paese, le ragazze sono portate dall'entroterra alla capitale con la promessa di una vita migliore, ma finiscono poi per essere sfruttate sessualmente. Le reti agiscono sotto la copertura d' imprese commerciali operanti nel turismo, nella moda, nei trasporti, «il che facilita l'esercizio della tratta dentro e fuori dal Brasile, oltre che permettere l'instaurazione di rapporti con il mercato della criminalità organizzata internazionale». Fra l'altro, «contrariamente a quanto si crede lo sfruttamento sessuale non è connesso soltanto alla povertà ma anche ad aspetti culturali come il maschilismo e i rapporti di potere fra adulti e bambini, bianchi e neri, ricchi e poveri».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori