Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:39

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

La galassia della comunicazione cattolica

ROMA - Tv, quotidiani, settimanali, radio, siti internet: quella della comunicazione cattolica italiana è una vera e propria «galassia». Un patrimonio che ha una lunga tradizione: basti pensare ai settimanali cattolici ancora esistenti, molti dei quali nati alla fine del XIX secolo. Una «galassia» individuata con attenzione del direttorio della Cei sulle comunicazioni sociali, presentato oggi a Roma, secondo il quale ci sarebbe a volte bisogno di una maggiore coordinazione e collaborazione, e soprattutto di fiducia da parte degli stessi credenti, invitati dai vescovi a «superare l'indifferenza» verso i media cattolici.

EDITORIA CATTOLICA: Sono migliaia le testate di varia natura, genere e configurazione, dai settimanali diocesani ad altre testate diffuse sul territorio nazionale, legate a congregazioni religiose, a santuari, associazioni, movimenti, ambiti missionari. Senza contare la produzione di saggistica e le riviste specializzate.
IL SIR: E' il servizio di informazione religiosa promosso dalla Cei, a servizio dei settimanali diocesani, ma anche di altri media e dei singoli. Ha una particolare attenzione anche ai temi europei.
AVVENIRE: E' un «irrinunciabile punto di riferimento» e per la Chiesa è «una presenza di qualità nel mondo dell'informazione». Dai vescovi l'invito a singoli e alle comunità di utilizzare al meglio quella che per alcuni è ancora una «risorsa inutilizzata», le cui «potenzialità, nonostante la crescita costante di lettori e copie diffuse, restano in gran parte ancora inespresse».
TV: Viene ricordato l'impegno delle emittenti di ispirazione cattolica, soprattutto di Sat2000, la «tv dei cattolici italiani», nata dalle sollecitudini del convegno ecclesiale di Palermo. Si pone attenzione anche all'evolversi del mercato in funzione della rapida evoluzione della tecnologia digitale che amplierà l'offerta televisiva.
RADIO: Accanto a importanti radio nazionali, come «Radio Maria» e a numerose radio locali, è stata creato il marchio InBlu, un circuito che permette la trasmissione in contemporanea per alcune ore al giorno, una banca programmi, a disposizione delle radio locali cattoliche.
INTERNET: Un sito in ogni parrocchia: può essere questa la sintesi di una nuova politica della Chiesa italiana. Anche perché la Rete, se adeguatamente valorizzata e sapientemente utilizzata, può divenire «non solo luogo di confronto ma anche di vera e propria elaborazione della cultura cattolica. Non bisogna esitare ad utilizzare internet in riferimento all'evangelizzazione».
ALTRI MEDIA: il documento dei vescovi evidenzia le presenza dei cattolici anche in settori come il cinema (con le sale parrocchiali e la commissiona di valutazione film), la musica classica e leggera, il teatro, la pittura, la scultura, l'architettura.
ASSOCIAZIONI NAZIONALI: Sono la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici); Corallo (Coordinamento radiotelevisioni libere locali); l'Uelci (Unione editori librai cattolici italiani); l'Acec (Associazione cattolica esercenti cinema); Federgat (Federazione dei gruppi di attività teatrale).
Sono poi attivi l'Ucsi (Unione cattolica stampa italiana); l'Aiart (Associazione italiana ascoltatori radio e tv); Weca (Webmaster cattolici italiani) e Copercom (Coordinamento per la comunicazione).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400