Venerdì 26 Aprile 2019 | 06:29

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Strage a Taba - Uno psicologo l'ha detto ai genitori

TEL AVIV - Con tutte le precauzioni, la tragica notizia della identificazione dei corpi delle loro due figlie è stata data al papà e alla mamma di Jessica e Sabrina, all'inizio del pomeriggio, dallo psicologo Michele Piccione, incaricato dal ministro degli esteri Franco Frattini di accompagnarli nel viaggio in Egitto.
Una missione umanamente difficile, quella del professor Piccione, docente alla Sapienza di Roma. Poche parole che hanno purtroppo distrutto il tenue filo di speranza con il quale Luigi Rinaudo e l'ex-moglie Denise Pomero erano saliti questa mattina sul Falcon messo a disposizione dalla Farnesina che li avrebbe portati a Taba.
«Si, li ho informati io» ha detto all'Ansa il professor Piccione. «Per loro è un momento durissimo» ha aggiunto.
L'ipotesi che le due ragazze non fossero sopravvissute all' attentato di giovedi sera, e che i loro corpi potessero trovarsi fra i resti non identificati trasportati dagli egiziani nell' obitorio improvvisato di Nubeira, si era fatta sempre più plausibile con il passare delle ultime ore. Con prudenza, nel volo fra Torino e Taba lo psicologo aveva cercato di prepararli a una possibile dolorosa notizia.
«E' vero, li abbiamo preparati molto, ieri e anche oggi durante il viaggio» ha confermato Piccione. Ma, ha aggiunto con tristezza, «non si è mai veramente preparati». Ricevuta la tragica notizia, i genitori di Jessica e Sabrina si sono chiusi nel loro dolore. «Sono morte, sono morte» ha solo gridato pochi minuti dopo al telefono la mamma di Jessica e Sabrina al compagno Sergio Isoardi, rimasto a Dronero, che l' aveva chiamata per avere notizie dopo il suo arrivo in Egitto. «E' stato il dna a riconoscerle» ha detto in lacrime prima di troncare la conversazione in preda alla disperazione: «non ci fanno vedere i loro corpi» ha solo aggiunto.
I genitori delle due ragazze non hanno aperto bocca con i giornalisti che li aspettavano davanti alla sagoma tetra dell' Hotel Hilton di Taba, semidistrutto dai 250 chili di esplosivo di cui era imbottita l'autobomba che giovedi sera ha spezzato, con quelle delle due ragazze italiane, altre 30 vite innocenti.
Qui hanno deposto un mazzo di fiori, e hanno pregato.
Accompagnati dal console italiano a Tel Aviv, Andre De Filip e dal consigliere dell'ambasciata al Cairo Francesco Nisio, il volto pieno di dolore - segnato dalle lacrime quello della mamma - hanno guardato senza parole la voragine aperta dalla bomba dove una volta c'era la lobby dell'albergo. La stanza delle due ragazze, la 502, era proprio alla verticale della hall. Poi la decisione di rientrare in Italia, senza poter vedere i resti delle due ragazze, che secondo fonti egiziane sarebbero stati trasferiti proprio oggi a Sharm el Sheick per ragioni amministrative: forse un modo caritatevole per evitare loro altro dolore. La maggior parte delle vittime della strage di Taba sono state estratte dalle macerie dell'albergo in condizioni terribili: solo il test del Dna ha consentito di identificare i poveri resti. «E' inutile tenerli qui più a lungo, in questa situazione di grave disagio» ha commentato il professor Piccione. Subito dopo la partenza, dall'aeroporto militare di Taba, in pieno deserto, mentre iniziava a calare il sole. Uno spettacolo bellissimo, che aveva affascinato pochi giorni prima anche Jessica e Sabrina.
Francesco Cerri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
Di Maio a Taranto: «Abbiamo abolito l'immunità penale ai vertici di Ilva»

Di Maio a Taranto: «Abbiamo abolito l'immunità penale ai vertici di Ilva»

 
Maltempo a Bari, cade giù albero in via Adriatico

Maltempo sferza Bari, cadono alberi in via Adriatico

 
Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

 
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
Cinquanta giovani atlete pugliesidi fronte ai tecnici del settore nazionali

Cinquanta giovani atlete pugliesi
di fronte ai tecnici del settore nazionali

 
Nazionale seniores maschiletutto gira attorno a Bari

Nazionale seniores maschile
tutto gira attorno a Bari

 
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni