Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 13:10

GDM.TV

Il ministro Pisanu: abbiamo dovuto prendere decisioni ingrate

ROMA - A Lampedusa dal 29 settembre sono arrivati 1.787 clandestini, di questi 1.153 sono stati respinti e riammessi in Libia. A fornire le cifre di quello che ha definito un «vero e proprio assalto organizzato alle nostre coste», è stato il ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu, Giuseppe Pisanu nel corso dell'informativa urgente al Parlamento.
«Dal 29 settembre ad oggi - ha detto il ministro - sono giunti a Lampedusa 1.787 clandestini: 544 sono stati avviati ai centri di accoglienza di Crotone, Caltanissetta e Ragusa, o perché richiedenti asilo (408) o per accertamenti (136). 1.153 sono stati identificati, respinti e riammessi in Libia. Si tratta, per la precisione, di 1.119 egiziani, 11 marocchini, e 23 bangladesi; per le rimanenti 90 persone le procedure di identificazione sono attualmente in corso».
«L'entità di queste operazioni - ha detto ancora Pisanu - si valuta meglio se si considera che nel triennio luglio 2001-giugno 2004 sono stati complessivamente respinti 130.027 clandestini, mentre nel triennio precedente ne erano stati respinti 129.928. Non mi pare che in entrambi i casi si possa parlare di deportazioni».
Quelle adottate contro gli immigrati clandestini a Lampedusa sono state «misure che non si adottano certo a cuor leggero. Al contrario, si è trattato di decisioni ingrate e tuttavia assolutamente necessarie per bloccare quello che si presentava come un vero e proprio assalto organizzato alle nostre coste». Lo ha dichiarato , concludendo il suo intervento alla Camera, il ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu.
«Personalmente - ha detto - non ho mai avuto dubbi sul fatto che se avessimo ceduto, se non ci fossimo comportati con determinazione avremmo attirato altre migliaia di disperati verso Lampedusa, assecondando di fatto le strategie dei gruppi criminali che gestiscono i traffici». «Così, quella che rischiava di essere una vittoria dei trafficanti può invece diventare una importante tappa di avvicinamento al nostro vero obiettivo: l'azzeramento o, quanto meno, la drastica riduzione dell'immigrazione clandestina via mare e dei rischi che essa comporta per i migranti, per l'ordine pubblico e la sicurezza nazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi Il sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights