Domenica 16 Dicembre 2018 | 00:13

GDM.TV

Italiani rapiti in Iraq: indagati due iracheni

ROMA - Ad oltre tre mesi dalla liberazione di Salvatore Stefio, Umberto Cupertino e Maurizio Agliana da parte della Delta Force Usa, l' inchiesta della magistratura romana è arrivata ad un punto di svolta. Due carcerieri dell' ultimo gruppo di terroristi che deteneva i tre italiani in una scuola a sud di Baghdad sono indagati per sequestro di persona con finalità di terrorismo.
Nessun legame dei due iracheni, invece, con l' omicidio di Fabrizio Quattrocchi. I due carcerieri hanno ammesso agli americani di aver tenuto in custodia gli italiani per conto di tre sequestratori, e al riguardo avrebbero fatto i loro nomi, per un periodo di quattro-cinque giorni. Il compenso? Pochi dinari, a detta dei due carcerieri che avrebbero anche negato di appartenere ad alcuna organizzazione terroristica.
La svolta per l' inchiesta romana è arrivata grazie alle informazioni girate dagli americani ai magistrati del pool antiterrorismo di Roma. Nel carteggio non ci sono solo i nomi dei due carcerieri arrestati in occasione del blitz del 9 giugno scorso, ma anche quello di un terzo iracheno che, tuttavia, risulterebbe estraneo al rapimento di Stefio, Cupertino ed Agliana.
Il dossier arrivato a piazzale Clodio costituisce una prima, significativa, forma di collaborazione da parte degli americani ai quali i pm Franco Ionta, Pietro Saviotti ed Erminio Amelio si erano rivolti all' indomani della conclusione del sequestro, cominciato il 12 aprile e durato 56 giorni, per avere informazioni sulle persone catturate durante il blitz del 9 giugno e, in particolare, il video girato in quell' occasione. Particolari ritenuti fondamentali per cominciare a risalire ai responsabili del sequestro ed agli appartenenti delle organizzazioni cui i tre italiani sono passati di mano durante quei 56 giorni.
A breve, negli uffici dei pm romani dovrebbero arrivare altre informazioni ed anche le foto dei due carcerieri. Queste saranno con tutta probabilità mostrate a Stefio, Cupertino ed Agliana per un riconoscimento. Ma i magistrati romani punteranno sicuramente anche ad una ricognizione diretta e per questo intendono accertare se i due iracheni siano ancora in mano degli americani o se siano già stati consegnati alle autorità irachene. Successivamente si studieranno i modi per tentare di estradare i due carcerieri in Italia.
«Una bella notizia - ha commentato Salvatore Stefio - speriamo che riescano a identificarli tutti. Non sapevo niente e devo dire che sono contento. E' la dimostrazione del buon lavoro dei magistrati e dei carabinieri di Roma. Spero che riescano a scoprirli tutti». Stefio ha concluso sostenendo di «non sapere come siano stati individuati i due iracheni, ma l' importante è che le indagini accertino come sono andate le cose e individuati i responsabili».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini