Domenica 17 Gennaio 2021 | 14:15

Il Biancorosso

L'intervista
Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Foggianel foggiano
San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

 
BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Italiani rapiti in Iraq: indagati due iracheni

ROMA - Ad oltre tre mesi dalla liberazione di Salvatore Stefio, Umberto Cupertino e Maurizio Agliana da parte della Delta Force Usa, l' inchiesta della magistratura romana è arrivata ad un punto di svolta. Due carcerieri dell' ultimo gruppo di terroristi che deteneva i tre italiani in una scuola a sud di Baghdad sono indagati per sequestro di persona con finalità di terrorismo.
Nessun legame dei due iracheni, invece, con l' omicidio di Fabrizio Quattrocchi. I due carcerieri hanno ammesso agli americani di aver tenuto in custodia gli italiani per conto di tre sequestratori, e al riguardo avrebbero fatto i loro nomi, per un periodo di quattro-cinque giorni. Il compenso? Pochi dinari, a detta dei due carcerieri che avrebbero anche negato di appartenere ad alcuna organizzazione terroristica.
La svolta per l' inchiesta romana è arrivata grazie alle informazioni girate dagli americani ai magistrati del pool antiterrorismo di Roma. Nel carteggio non ci sono solo i nomi dei due carcerieri arrestati in occasione del blitz del 9 giugno scorso, ma anche quello di un terzo iracheno che, tuttavia, risulterebbe estraneo al rapimento di Stefio, Cupertino ed Agliana.
Il dossier arrivato a piazzale Clodio costituisce una prima, significativa, forma di collaborazione da parte degli americani ai quali i pm Franco Ionta, Pietro Saviotti ed Erminio Amelio si erano rivolti all' indomani della conclusione del sequestro, cominciato il 12 aprile e durato 56 giorni, per avere informazioni sulle persone catturate durante il blitz del 9 giugno e, in particolare, il video girato in quell' occasione. Particolari ritenuti fondamentali per cominciare a risalire ai responsabili del sequestro ed agli appartenenti delle organizzazioni cui i tre italiani sono passati di mano durante quei 56 giorni.
A breve, negli uffici dei pm romani dovrebbero arrivare altre informazioni ed anche le foto dei due carcerieri. Queste saranno con tutta probabilità mostrate a Stefio, Cupertino ed Agliana per un riconoscimento. Ma i magistrati romani punteranno sicuramente anche ad una ricognizione diretta e per questo intendono accertare se i due iracheni siano ancora in mano degli americani o se siano già stati consegnati alle autorità irachene. Successivamente si studieranno i modi per tentare di estradare i due carcerieri in Italia.
«Una bella notizia - ha commentato Salvatore Stefio - speriamo che riescano a identificarli tutti. Non sapevo niente e devo dire che sono contento. E' la dimostrazione del buon lavoro dei magistrati e dei carabinieri di Roma. Spero che riescano a scoprirli tutti». Stefio ha concluso sostenendo di «non sapere come siano stati individuati i due iracheni, ma l' importante è che le indagini accertino come sono andate le cose e individuati i responsabili».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400