Martedì 11 Dicembre 2018 | 08:37

GDM.TV

i più visti della sezione

Lavoratore a nero cade da impalcatura e viene buttato per strada a morire

Francesco Iacomino, 33 anni, è stato trovato in strada in fin di vita e con le caviglie spezzate ad Ercolano da due automobilisti
NAPOLI - E' stato abbandonato ancora agonizzante sul ciglio di una strada, nel Napoletano, dopo essere precipitato da una impalcatura di un cantiere dove probabilmente lavorava in nero. Soccorso dai passanti è morto durante il trasporto in ospedale.
E' questa la principale ipotesi su cui stanno lavorando gli investigatori del commissariato di Portici che indagano sul decesso di Francesco Iacomino, 33 anni, trovato in strada in fin di vita e con le caviglie spezzate ad Ercolano da due automobilisti.
L'uomo, che indossava una tuta da lavoro, era riverso sul selciato all'incrocio tra via Quattro Orologi e via Gabriele D'Annunzio quando intorno alle 7 e 30 due passanti lo hanno notato e soccorso. Iacomino è però arrivato all'ospedale Maresca già morto.
Il dirigente del commissariato di Portici Pasquale Errico ha presentato un rapporto alla Procura della Repubblica per omicidio colposo, omissione di soccorso, alterazione dei luoghi e violazione delle norme sull'infortunistica.
Iacomino era sposato, aveva un figlio, viveva ad Ercolano e veniva da una famiglia di operai, suo padre è un operaio saldatore in pensione. L'ipotesi che sia morto a causa di un incidente sul lavoro è confortata dalle dichiarazioni dei familiari che hanno riferito che Iacomino da dieci giorni si alzava molto presto per andare al lavoro ma che non sapevano esattamente dove si trovasse il cantiere. Inoltre le caviglie fratturate fanno ritenere che l'uomo possa essere caduto in piedi da un'altezza di almeno tre metri, elemento che spiegherebbe anche eventuali lesioni interne che avrebbero potuto causarne la morte.
In attesa dei risultati dell'autopsia disposta sul cadavere di Iacomino, la polizia sta cercando di individuare il cantiere dove si sarebbe verificata la disgrazia. Gli investigatori cercano di far luce anche su ciò che è avvenuto dopo l'incidente e cioè come Iacomino sia arrivato a quell'incrocio, chi lo abbia trasportato lì e poi se ne sia liberato, come si fa con un sacco di rifiuti, pensando forse che l'operaio fosse già morto.
D'altronde con le caviglie in quelle condizioni Iacomino avrebbe potuto solo strisciare per spostarsi da un posto all'altro. La polizia sta ascoltando parenti ed amici della vittima, e svolgendo accertamenti per fare chiarezza sulla vicenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca