Domenica 16 Dicembre 2018 | 23:33

GDM.TV

Bambini obesi a 6 anni già con l'arteroscerosi

ROMA - Arterie compromesse già a sei anni e un destino di problemi cardiovascolari: è il quadro poco rassicurante che raffigura i bambini obesi.
E' stato tracciato, in due articoli apparsi rispettivamente sulla rivista Diabetes Care di Ottobre e sulla rivista «Metabolism» di questo mese, da Archangelo Iannuzzi, primario di medicina interna all'Ospedale di Cava de Tirreni presso Salerno che ha ideato e coordinato questo studio insieme alla supervisione di Maurizio Trevisan, italiano ma da 20 anni all'estero e ora presso l'Università di Buffalo a New York.
L'esperto italiano ha osservato le arterie carotidi, quelle che portano il sangue al cervello, dei bimbi di quell'età constatando che, quando sono obesi, i piccoli hanno già sintomi che si ritrovano in persone adulte, come rigidità e ispessimento delle pareti, cioè le prime avvisaglie dell'arterosclerosi.

«E' la prima volta - ha dichiarato Iannuzzi in un intervento - che viene dimostrato in bambini obesi (sia di sesso maschile che femminile) la presenza di un ispessimento medio-intimale carotideo, che è il segno più indicativo di aterosclerosi tra quelli ottenibili in maniera non-invasiva». Nello studio sono stati osservati 100 bambini obesi afferenti all'ambulatorio di obesità pediatrica, del Dipartimento di Pediatria dell'ospedale Cardarelli di Napoli di cui è responsabile Maria Rosaria Licenziati, e 47 bambini sani e di peso normale di età tra 6 e 14 anni. Gli esperti hanno sottoposto questo campione a un'ecografia ad alta risoluzione delle arterie carotidi trovando un ispessimento delle pareti di questi vasi e la loro eccessiva rigidità. I bimbi sono stati anche sottoposti a vari esami del sangue per misure di colesterolo, trigliceridi e altri parametri chiave. Inoltre, ha rilevato Iannuzzi, è stata effettuata anche la determinazione della rigidità dell'aorta addominale che è risultata più rigida (stiffness aumentata) nei bambini obesi rispetto al gruppo di bambini non-obesi.

A ciò si aggiunge che i bambini obesi risultavano meno sensibili all'ormone insulina che serve per regolare il metabolismo del glucosio, avevano pressione e colesterolo alti, infine eccessivi valori di proteina reattiva C che è un indice di infiammazione considerata un fattore di rischio per danni cardiaci.
La scoperta va letta come un ulteriore allarme per la salute dei bimbi obesi, ha osservato Iannuzzi, «in quanto documenta la presenza di alterazioni vascolari precoci in bambini obesi già dall'età della scuola elementare, alterazioni che erano già state dimostrate in bambini ipercolesterolemici e con diabete di tipo I in studi di ricercatori soprattutto del Nord-Europa».
«L'obesità - ha proseguito l'esperto - va quindi considerata come una vera e propria malattia che esercita i suoi danni sulla parete vascolare già dall'età pediatrica e dell'adolescenza e i principali meccanismi attraverso i quali si determina il danno vascolare precoce consistono in una più elevata pressione arteriosa ed in un'insulino-resistenza».
Adesso, ha anticipato Iannuzzi, «pensiamo soprattutto di effettuare un follow-up dei bambini obesi per verificare l'effetto della dieta e dell'esercizio fisico su queste alterazioni vascolari precoci».
Intanto il consiglio, dato soprattutto ai genitori per diminuire la probabilità che queste lesioni iniziali diano problemi nella vita adulta, è di modificare lo stile di vita dei bambini e degli adolescenti, incrementandone l'attività fisica e migliorandone il tipo di alimentazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia