Giovedì 13 Dicembre 2018 | 19:28

GDM.TV

Gianni Amelio presenta il suo film a Venezia

«E' un film antitelevisivo che non indugia nelle lacrime per il caso umano, nel compiacimento, nel pietismo». Cosi' Gianni Amelio, in corsa alla 61ma Mostra del cinema di Venezia, parla de 'Le chiavi di casa', che ha come rotagonisti principali Gianni (Kim Rossi Stuart), nel ruolo di un padre distratto che riallaccia i rapporti con il figlio Paolo (lo straordinario Andrea Rossi), un quindicenne con gravi problemi di comportamento.
Insomma - spiega il regista al Lido - non e' un film sull'handicap, ma piuttosto «un lavoro drammatico che si puo' guardare sorridendo». La pellicola, una coproduzione italo-tedesco-francese (per l'Italia c'e' Rai Cinema e Enzo Porcelli), e' liberamente ispirata all'opera di Giuseppe Pontiggia "Nati due volte": «Rispetto a questo romanzo - dice Amelio - che racconta la storia personale dello scrittore, mi sono chiesto: chi sono io per entrare in questa storia? Devo crearmelo io questo figlio handicappato, deve essere qualcosa che e' nelle mie viscere».
Il film e' veramente decollato con l'incontro con il giovane co-protagonista Andrea Rossi, un ragazzo con disagi, davvero straordinario per bravura, ironia e spontaneità: «Lo considero un coautore del film piu' che un interprete, il motore di tutto, la linfa vitale di questo lavoro», sottolinea ancora il regista. «L'ho incontrato per la prima volta in una piscina di Quarto Miglio in cui lui, con handicap, sfidava a nuoto i cosiddetti 'normali' a nuotare con una sola gamba e un solo braccio. Alla fine ha vinto lui. Quando gli ho parlato, ho subito capito che quel ragazzo mi poteva insegnare qualcosa».
Amelio nell'incontro stampa non puo' fare a meno di parlare lungamente di Andrea Rossi, una vera fascinazione quella del regista per il ragazzo. «Prima di girare con lui l'ho frequentato per circa otto mesi e ho conosciuto i suoi genitori che sono straordinari - dice il regista -. E poi la sua presenza sul set era fondamentale: quando arrivava con la sua freschezza tutto si risolveva, anche i problemi sindacali dei tecnici che non volevano fare straordinari».
Andrea che si ritrova in viaggio con un padre in crisi e immaturo verso Berlino per essere curato in una clinica specializzata - qui Kim Rossi Stuart incontra Nicole(Charlotte Rampling) una madre che ha una figlia con gli stessi problemi - in molte sequenze del film si vede con un auricolare all'orecchio: «non e' vero che gli davo indicazioni su quello che doveva fare - spiega il regista -, ma lo incitavo quando era stanco. A volte gli parlavo di calcio o di sport».
In 'Le chiavi di casa' molto ha contato l'improvvisazione: «c'era una traccia, ma poi ci lasciavamo andare a quello che veniva». Sul perche' della scelta di Berlino dice Amelio: «volevo una città straniera in modo che ci fosse un handicap, non solo linguistico, anche per Rossi Stuart: che padre e figlio fossero in qualche modo alla pari».
Tra le scene piu' toccanti del film quella di Kim Rossi Stuart che, per le ripetute intemperanze e la difficile gestione di Andrea, a un certo punto si lascia andare a un pianto dirotto. E' il momento in cui e' il figlio ad abbracciarlo e lo consola dicendo, con accento omanesco: ''perche' piangi? Ce sto qua io».
Cosi' a chi ha ricordato al regista di "Ladro di bambini" come ci sia una poesia del poeta William Wordsworht che dice «il figlio e' il vero padre dell'uomo», Amelio replica: «e' perfetta per il mio film». Ma dal regista anche una piccola rivelazione: «per me E.T. e' un film fondamentale che amo molto perche' anche li' c'e' un essere che arriva dallo spazio e che insegna agli uomini come ci si ama».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori