Martedì 19 Gennaio 2021 | 00:24

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Barile indagini
Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

 
Lecceoperazione dei CC
Racale, in due circostanze tenta rapina con arma giocattolo: fugge a mani vuote e viene arrestato

Racale, in due circostanze tenta rapina con arma giocattolo: fugge a mani vuote e viene arrestato

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
Covid news h 24prevenzione
Foggia, oltre 2.500 operatori sanitari sottoposti a vaccino anti Covid

Foggia, oltre 2.500 operatori sanitari sottoposti a vaccino anti Covid

 
Potenzala protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Mostrato in gabbia il rapito britannico

LONDRA - Incatenato, in lacrime, evidentemente provato dalla prigionia, ma comunque vivo. E questo è l'importante per la famiglia di Ken Bigley, l'ingegnere britannico di 62 anni dal 16 settembre ostaggio del gruppo integralista del giordano Abu Musab Al Zarqawi. Ed è importante anche per Tony Blair sempre più sotto pressione per aver portato la Gran Bretagna in una guerra che l'opinione pubblica e larga parte del Parlamento non volevano.

Bigley appare in un video trasmesso oggi da Al Jazira, che pur nella sua drammaticità, ha suscitato un moderato ottimismo a Londra per la sorte dell'ostaggio, soprattutto perché, oltre a dimostrare che il povero Ken è ancora vivo, è arrivato dopo il messaggio, diffuso ieri dal sito web islamico 'Al Qalah' nel quale i rapitori promettono di «salvare la vita all'ostaggio, come debito a vita», e «umiliazione» per il governo britannico, che «per seguire il criminale Bush, si disinteressa della vita umana, compresa quella del suo popolo».
E così la famiglia Bigley non solo ha deciso di rinnovare l'appello per la liberazione, ma anche di ringraziare i sequestratori per aver mostrato l'ostaggio vivo. In una dichiarazione diffusa in serata dal ministero degli Esteri e firmata da Craig e Philip, rispettivamente figlio e fratello di Bigley, affermano fra l'altro: «Noi come famiglia sappiamo che la decisione finale del rilascio spetta a voi, la gente che lo tiene prigioniero. Ancora una volta vi chiediamo di mostrare misericordia e di rilasciarlo».
Nel messaggio, che è stato anche letto da Craig, si punta sul dolore della famiglia ed in particolare dell'anziana madre, Lil, ricoverata in ospedale dopo una serie di malori che l'ha colpita. Ma i Bigley non chiedono solo pietà ai rapitori, se la prendono anche con il governo. Un altro fratello dell' ostaggio, Paul, in un'intervista ad Al Jazira afferma che l'80% del popolo britannico pensa che Blair sia «un bugIardo che deve chiedere scusa per l'affare delle armi di distruzione di massa che pretendeva l'Iraq possedesse».

L'impressione da tutti questi messaggi, appelli, interviste e dichiarazioni è che qualcosa effettivamente si stia muovendo dietro le quinte. E perfino Blair, che finora non aveva detto neppure una parola sul sequestro a parte qualche frase di solidarietà all'ostaggio e alla sua famiglia, oggi in una intervista televisiva ha rivelato che funzionari britannici stanno cercando di stabilire dei contatti con i rapitori. «E' difficile prendere contatto con questo particolare gruppo. E' gente che viene da fuori, non sono iracheni. Ma ci stiamo provando. Stiamo facendo tutto il possibile», ha detto ai microfoni di Gmtv.
Ed anche la diffusione dell'appello della famiglia Bigley da parte del Foreign Office è un segnale in qualche modo positivo.
«Craig e Philip Bigley sono venuti questo pomeriggio al ministero degli Esteri per incontrare la baronessa Symons. Hanno chiesto di fare una dichiarazione per i giornali in lingua araba, usando le nostre strutture e noi siamo stati lieti di acconsentire», ha detto un portavoce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400