Sabato 23 Gennaio 2021 | 15:25

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
BariIl virus
Covid 19 nel Barese, quasi 3mila tamponi in 25 scuole: 9 i positivi

Covid 19 nel Barese, quasi 3mila tamponi in 25 scuole: 9 i positivi

 
HomeIl caso
Racale, lancia dal balcone bombola del gas su auto con a bordo moglie e figlia: arrestato

Racale, lancia dal balcone bombola del gas su auto con a bordo moglie e figlia: arrestato

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito un altro

 
TarantoLa decisione
Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 

i più letti

La prigionia

ROMA - Le due Simone in un covo, Raad Alì Abdul Aziz in un altro e Mahnaz Bassam in un altro ancora. Prigioni separate, dunque, per i quattro ostaggi sequestrati il 7 settembre scorso e rilasciati oggi. Sono stati tutti trattati abbastanza bene, secondo le prime testimonianze dei protagonisti che rimbalzano da Baghdad.
A raccontare le fasi della detenzione sono in particolare i due iracheni, in attesa di sentire la versione delle due italiane. «Per portarci nel covo - ha detto Abdul Aziz, ricordando il giorno del rapimento - ci hanno messo quattro ore di macchina. Quando siamo arrivati a destinazione ho sentito il muezzin invitare alla preghiera della sera. I primi tre giorni sono stati bruttissimi. Ero costantemente interrogato, pensavano che fossi italiano o avessi la cittadinanza italiana. Fino a quando non si sono convinti che non lo ero, forse quando hanno cominciato a sentire i mezzi d' informazione».
«Fin dal primo momento - ha proseguito l'ingegnere iracheno - mi hanno messo in isolamento, in una stanza per conto mio. Le ragazze non le ho mai viste, tranne stamattina quando ci hanno portati via. I carcerieri erano iracheni, dopo il terzo giorno hanno cominciato a trattarmi bene, mi davano da mangiare e mi dicevano che il mio destino era legato a quello delle ragazze: se moriranno morirai con loro, sennò vivrai anche tu. Sono sempre rimasto con gli occhi bendati, anche per quattro giorni di seguito, e quando mi toglievano la benda mi dicevano che non dovevo assolutamente guardarli in faccia, nè ascoltare i loro discorsi».
Anche Mahnaz ha raccontato di essere stata tenuta sequestrata in un luogo separato dagli altri, che non era nè Falluja, nè Baghdad. I rapitori, ha rievocato, erano «gente religiosa, che rispettava le donne: mi hanno lasciata pregare».
I quattro sono stati poi riuniti oggi, bendati e caricati su un'auto. Sono stati quindi fatti scendere separatamente nelle strade di Baghdad. Per prima è scesa Manhaz, che ha preso un taxi ed è andata a casa. Poi è toccato agli altri. Le due italiane, come hanno mostrato le immagini televisive, indossavano un lungo velo nero che hanno tolto quando hanno incontrato il commissario straordinario della Croce Rossa italiana, Maurizio Scelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400