Lunedì 17 Dicembre 2018 | 00:02

GDM.TV

La notizia arriva alle 17,36 ore italiane

- 17:36: Con un flash l'Ansa informa che Simona Pari e Simona Torretta sono state liberate. La notizia della liberazione è stata data pochi istanti prima dalla tv satellitare del Qatar al Jazira con una scritta in sovrimpressione.
Simona Pari e Simona Torretta sono state liberate dai loro sequestratori e consegnate all'incaricato d'affari italiano, annuncia l'emittente, ripetendo per tre volte la notizia.
- 17:45: Laura Torretta, sorella di Simona, riferisce: «Ci ha chiamato il prefetto pochi minuti e ci ha detto che ci richiamerà con una bella notizia». 17:46: La Ong Intersos rende noto che Manhaz, la donna irachena sequestrata in Iraq insieme alle due volontarie italiane, è stata liberata.
- 17:52: Al Senato, il presidente Marcello Pera interrompe il dibattito per dar conto dei flash delle agenzie che, citando l'emittente araba Al Jazira, riferivano della liberazione delle due Simone. 17:53: Il vicepresidente della Camera Fabio Mussi annuncia: «Cari colleghi, vi do una notizia...», ma non fa in tempo a terminare la frase che dall'emiciclo parte un applauso unanime di tutti i deputati in piedi.
- 17:54: La famiglia Torretta riferisce di aver avuto la conferma della liberazione di Simona dalla Farnesina.
- 18:02: Stasera Simona Pari e Simona Torretta abbracceranno i loro cari: lo rende noto il premier Silvio Berlusconi in una conferenza stampa in diretta televisiva a palazzo Chigi.
- 18:03: 'C'è una persona che voglio ringraziare in particolare: è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta. Credo che sia anche a lui che devono la vita le due ragazze italiane», afferma Berlusconi.
- 17:05: «Ci sentiamo finalmente sollevati e partecipiamo tutti insieme alla gioia delle famiglie Torretta e Pari». Il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini commenta così da Ginevra la liberazione delle due volontarie italiane.
- 18:06: Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti conferma che, assieme alle due ragazze italiane, sono stati liberati anche i due cittadini iracheni coinvolti nella stesso rapimento.
- 18:07: Silvio Berlusconi si dice molto soddisfatto della prova di «unità» fornita dal Paese nella vicenda delle due italiane rapite ed oggi liberate.
- 18:11: «Il governo viene subito alla Camera» a riferire sulla liberazione delle due Simone», annuncia, sospendendo la seduta dell'assemblea di Montecitorio il vice presidente Fabio Mussi, precisando che a riferire sarà il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
- 18:13: «Le ragazze stanno bene», rende noto Berlusconi aggiungendo che «stanno entrando all'aeroporto di Baghdad. Sono state consegnate un'ora fa alla Croce Rossa».
- 18:15: «E' un momento di grande gioia. Dopo tanti giorni, tante notti, tante strade percorse e sedici trattative avviate, che ci hanno tenuto con il fiato sospeso, finalmente la vicenda si è conclusa», dice Berlusconi rivelando di aver «sentito» telefonicamente le due ragazze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia