Sabato 15 Dicembre 2018 | 19:13

GDM.TV

Berlusconi soddisfatto della prova di «unità» fornita dal Paese

ROMA - «Dopo tanti giorni e tante notti di attesa, finalmente una grande gioia». Silvio Berlusconi non riesce a trattenere tutta l'emozione prima a Palazzo Chigi e poi in Parlamento, per la notizia della liberazione di Simona Pari e Simona Torretta: una «gioia», la fine di una «angoscia» che sono state accolte con altrettanta emozione sia alla Camera che al Senato, indistintamente da maggioranza ed opposizione, con due lunghi applausi quando il premier si è presentato prima a Montecitorio e poi a palazzo Madama per informare deputati e senatori. Il premier ha ricambiato ringraziando l'opposizione per la riservatezza con cui ha seguito la vicenda e auspicando una «comunità di intenti», iniziative bipartisan anche su altri temi, «e non solo in casi come questi». Un chiaro riferimento anche al delicato dibattito sulle riforme: un tema che il presidente del Consiglio ha toccato proprio a conclusione del suo intervento alla Camera garantendo che la maggioranza terrà conto delle indicazioni del centrosinistra.
Berlusconi era stato avvertito della liberazione mentre stava presiedendo a Palazzo Chigi una riunione sulla Finanziaria, nella sala degli Arazzi. Incontro subito sospeso per consentire al premier di informarsi ulteriormente e di poter avere un primo contatto telefonico con le due Simone: un breve contatto nel corso del quale Berlusconi ha potuto realizzare che le due ragazze stavano bene e che sarebbero rientrate in serata a Roma per riabbracciare i loro genitori e «tornare a casa».
Il premier, oltre alle parole di elogio per l'opposizione, ringrazia caldamente il suo sottosegretario: «Le due Simone devono la vita a Gianni Letta, che in questi giorni si mosso seguendo ben sedici tentativi di indagine, giorno e notte, è stato il regista di tutto», fino al raggiungimento dell'obiettivo. Una soddisfazione «immensa» che il presidente del Consiglio, accompagnato dal ministro Pisanu, ha ribadito, a Palazzo Madama al presidente del Senato Marcello Pera, prima di fare la seconda breve comunicazione al Parlamento. Altri ringraziamenti alla Croce Rossa ed al suo «grande merito umanitario», ai responsabili dei servizi che «in questi giorni hanno dimostrato una grande valentia e sono stati vicini al governo collaborando alle trattative». E ancora un altro lungo applauso, al suo arrivo a palazzo Chigi, da parte dei numerosi partecipanti ad una riunione sulla protezione Civile. Già ieri sera la vicenda si era messa sui binari giusti, ha confidato il premier parlando con i cronisti mentre lasciava Palazzo Madama: «Stanotte abbiamo approfondito la situazione e quindi si è dato il via definitivo all'operazione questa mattina, una decisione molto difficile venuta dopo il vaglio di due trattative che potevano essere confliggenti».
«Il nostro comportamento è stato ineccepibile. Ci siamo dedicati notte e giorno a questo problema», ha sottolineato più volte il premier nel ringraziare il Re di Giordania Abdallah per il ruolo «particolarissimo che hanno svolto i servizi segreti giordani» nella vicenda (ma anche il Sismi, come ha evidenziato il ministro dell'Interno Martino).
Berlusconi ha accompagnato le sue affermazioni con più di un sorriso: «E' la fine di una angoscia, la vicenda si è conclusa», ha rimarcato a palazzo Chigi come al Senato. Da tutto questo un auspicio particolare: quello di poter proseguire in maniera «duratura» la collaborazione con l'opposizione. Magari per chiudere il complesso delle riforme nel miglior modo possibile perché «le riforme - ha detto parlando in aula alla Camera - possono migliorare il nostro paese e non, come qualcuno teme, rendere più difficile l'operatività parlamentare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini