Venerdì 22 Gennaio 2021 | 23:04

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Chi è Simona Pari

ROMA - Simona Pari, la volontaria di «Un ponte per» sequestrata a Baghdad il 7 settembre scorso e rilasciata oggi, è nata a Bologna il 6 giugno del 1975.
Laureata in Filosofia, giornalista pubblicista, ha collaborato con vari quotidiani e periodici. Per due anni ha lavorato con l'associazione 'Save the children Italia», occupandosi dei programmi internazionali e di traffico di minori. Lo scorso anno è stata in Afghanistan e nei Balcani (Kosovo, Albania e Montenegro), sempre per fare ricerche e monitoraggi. Ha frequentato un master in Cooperazione allo sviluppo all'università La Sapienza di Roma. Il master prevedeva uno stage sul campo. Per questo ha iniziato la collaborazione con «Un ponte per».
Per conto dell'associazione è arrivata in Iraq nella primavera del 2003, subito dopo l'inizio della guerra. Lì, assieme a Simona Torretta, si è occupata di diversi progetti a favore dei bambini -l'ultimo è di inizio agosto, la Summer School per 200 piccoli di Baghdad- ma anche della distribuzione di acqua potabile per le popolazioni di Falluja e Najaf durante gli assedi degli americani.
Donatella e Alfonso, i genitori divorziati di Simona, ricordano che «da due anni era sempre in giro per il mondo per aiutare i bambini». Cresciuta a Rimini, la vita di provincia le è stata sempre stretta. Ha così frequentato l'università a Bologna, studiando all'estero con il progetto Erasmus. Gli amici ed i compagni di lavoro la descrivono come «una persona esuberante, coraggiosa, molto motivata e convinta di quello che stava facendo». Nelle sue e-mail inviate nei giorni precedenti al rapimento, Simona ha descritto una situazione diventata sempre più pericolosa e meno sicura, ma ha espresso la sua intenzione di restare in Iraq per portare avanti i progetti umanitari che aveva iniziato ed aiutare chi ha bisogno, specie i bambini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400