Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 04:57

GDM.TV

i più visti della sezione

Il futuro di Powell è meno roseo di quello che racconta Bush

WASHINGTON - Il futuro dell'Iraq che il segretario di Stato americano Colin Powell tratteggia in tutta una serie di interviste televisive è meno roseo di quello che traspare dai comizi e dalle dichiarazioni del presidente americano George W. Bush.
Per Powell, l'America ha davanti a sè morti e battaglie, perchè «l'insurrezione diventerà più dura e l'unica cosa da fare è continuare a combatterla», dice, calcando i toni specie nelle risposte alla Abc.
Ma Powell non cambia il finale di Bush: «Alla fine, quando avremo sconfitto l'insurrezione -afferma-, il popolo iracheno sceglierà i suoi leader, si darà una Costituzione e terrà libere elezioni generali per eleggere governo e parlamento definitivi».
Allora gli Stati Uniti, che avranno nel frattempo costituito ed addestrato le forze di sicurezza irachene, potranno iniziare il ritiro, magari entro la fine del 2005.
Ma questo è lo scenario migliore; e non è l'unico. Powell, conscio delle ipotesi di crisi tracciate dall' 'intelligencè militare americana, non esclude quello peggiore, con il rischio di una guerra civile.
Il segretario di Stato pare preoccupato di stornare da Bush l'accusa mossagli dal suo rivale nella corsa alla Casa Bianca, il candidato democratico John Kerry, secondo cui il presidente esagera con l'ottimismo e presenta un quadro più positivo del reale.
Powell deve anche mitigare le impressioni suscitate da recenti sortite del segretario alla difesa Donald Rumsfeld, che, parlando di «elezioni parziali» o di «inizio di ritiro anticipato», ha suscitato un mix di timori e speranze.
Con Rumsfeld, del resto, s'allinea il generale John Abizaid, comandante della campagna 'Libertà per l'Iraq': le elezioni di gennaio in Iraq si terranno «nella grande maggioranza» del Paese, ma non necessariamente ovunque, dice, aggiungendo: «Non posso assicurare che il 100% delle regioni saranno pronte per elezioni giuste e pacifiche"; nè - ha aggiunto - è possibile assicurare «la vittoria per gennaio. Posso però prevedere che avremo una elezione. Sarà dura, sarà difficile, ma sarà ciò che ci avvicinerà alla vittoria finale, quando gli iracheni controlleranno il loro destino».
Accanto a tasselli bui, Powell, però, mette anche elementi di luce nel puzzle iracheno. La conferenza internazionale sull'Iraq si potrà fare - dice - tra la fine di ottobre, «come speriamo» - sarebbe un regalo di elezioni per Bush -, e l' inizio di novembre, in un Paese arabo vicino all'Iraq, che potrebbe essere l'Egitto o la Giordania.
Alla Cnn, Powell spiega: «E' importante che la conferenza ci sia e che sia ben organizzata, qualunque ne sia la data».
All'ordine del giorno, sarà «la discussione della situazione in Iraq e il modo in cui i Paesi vicini, compresi Iran e Siria, possano dare un contributo più efficace» nella pacificazione e nella ricostruzione in vista delle elezioni di gennaio.
In tv, il segretario di Stato agisce da stopper di Bush, bloccando le critiche di Kerry una dopo l'altra. Così, Powell assicura che la caccia ai militanti della rete terroristica al Qaida e al suo capo Osama Bin Laden resta una priorità della Casa Bianca.
«Non abbiamo distolto lo sguardo dalla caccia ad al Qaeda», dice, ammettendo di non sapere, però, dove bin Laden si trovi, nè se si trovasse fra le montagne di Tora Bora, ai confini tra l'Afghanistan e il Pakistan, quando l'esercito americano vi condusse un'offensiva nell'inverno 2001-02. A più riprese, Kerry ha denunciato la guerra all'Iraq come «una profonda diversione» nella guerra al terrorismo e ha criticato il fatto che gli americani si siano lasciati scappare Bin Laden a Tora Bora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo