Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 02:07

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Serve sforzo corale perché il Sud resti centrale

LECCE - Per porre le «premesse» alla ripresa serve «uno sforzo corale: un clima di piena fiducia e collaborazione tra le imprese, il sistema creditizio e le istituzioni». Il governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio rilancia l'esigenza di collaborazione tra tutte le forze in campo. E riporta in primo piano la questione sud come prioritaria, «centrale» per il Paese, che deve ridurre e colmare il divario, in termini di produttività e ricchezza con il centro-nord.
Da Lecce prima, da Otranto poi, il Governatore - impegnato in una serie di incontri in Puglia - invita così tutti, Governo in primis, a tenere conto di un Mezzogiorno che cerca di riagganciare la ripresa. In vista della prima occasione utile, quella della Finanziaria, Fazio auspica quindi che il sud non venga penalizzato. A cominciare dalla revisione degli incentivi che non deve - spiega - sottrarre risorse importanti alle imprese. La Finanziaria, inoltre, deve servire a sviluppare maggiormente le infrastrutture, perché la loro carenza «incide sulla produzione, rendendola meno competitiva di quella delle regioni centrali e settentrionali: è necessario accelerare - ha aggiunto - l'attuazione dei programmi di lavori pubblici e proseguire nel rafforzamento e negli interventi per la legalità e la sicurezza».

E parlando sempre dello sviluppo del Sud, Fazio non evita l'ennesima risposta a distanza, anche se indiretta, all'ex ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, che qualche giorno fa aveva evidenziato carenze nel sistema creditizio proprio nel Mezzogiorno. Per Fazio la ristrutturazione del sistema bancario meridionale «è stata molto intensa» e ha portato, grazie anche all'apporto di risorse e capacità di intermediari di altre aree del Paese, una serie di vantaggi, sia nel miglioramento dei servizi alla clientela, che per il finanziamento alle realtà produttive locali. «Non si avverte l'esigenza - taglia corto Fazio replicando a chi ritiene necessaria un'altra banca per il sud - di nuovi intermediari o di nuove categorie di enti creditizi».
Un sistema bancario che - dice - è migliorato nel Sud e che complessivamente ha tenuto nell'intero Paese, nonostante «le difficoltà derivanti dal rallentamento della crescita economica, dalle crisi e dai dissesti di importanti gruppi industriali».

I problemi del sud sono «centrali» per il Paese, ma c'è anche un altro fronte sul quale investire: quello della formazione, più precisamente «l'alta formazione» e «l'innovazione tecnologica». «La capacità di competere in sistemi sempre più aperti - ha sottolineato Fazio - dipende in misura rilevante dalla formazione universitaria e professionale e dalla ricerca scientifica».
Infine, Fazio, che oggi nel Salento ha voluto inaugurare di persona la sede restaurata della Banca d'Italia di Lecce, tiene a sottolineare l'importanza, ancora oggi, del ruolo dell'istituto: nonostante sia inserita nel sistema della Banca centrale europea, la Banca d'Italia e le sue filiali «sono oggi, più di prima - ha concluso - intensamente coinvolte nell'esercizio delle diverse forme di vigilanza creditizie e finanziarie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400