Giovedì 21 Gennaio 2021 | 16:09

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Barila decisione
Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

 
PotenzaGiustizia
Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Iraq - La guerra impossibile ai siti web da dove si propaga il terrore

NEW YORK - Sono centinaia e per ognuno che viene scoperto ed eliminato, ne spuntano decine di nuovi. Sono i siti web islamici, una definizione quanto mai generica, dietro cui si può nascondere di tutto: dal manuale per la guerra santa alla rivendicazione dell'esecuzione di un ostaggio in Iraq. Una nuova arma nelle mani dei terroristi e con cui l'Italia in questi giorni deve fare i conti. Tanto che Palazzo Chigi non ha esitato, di fronte all'ennesima rivendicazione dell'uccisione di Simona Pari e Simona Torretta, a parlare di «guerra mediatica». L'impegno a combattere il dilagare di siti estremisti sembra destinato al fallimento. «E' un'impresa impossibile», ha ammesso Thomas Hegghammer, del Defense Research Establishment, un'agenzia che tiene sotto controllo i movimenti di al Qaeda su Internet, «forse si può riuscire ad acchiappare qualcuno, ma non si riuscirà mai a fermare il flusso della propaganda islamica».

La difficoltà, secondo Hegghammer, sta nel riuscire a distinguere tra un terrorista vero e uno che fa finta di esserlo «e processare un mucchio di ragazzini arrabbiati che lo fa perché è eccitante e non perché voglia davvero compiere un attentato non aiuta nella lotta contro al Qaeda». Molti siti estremisti hanno domini registrati in quelli che potrebbero essere considerati alla stregua dei paradisi fiscali: sigle di Paesi che servono solo a disorientare chi cerca di risalire al proprietario di un dato indirizzo web. La maggior aperte delle compagnie che mettono a disposizione i server, non fa altro che rivendere lo spazio ad altre società in una catena di distribuzione che è molto simile a quella alimentare, come dice Robert Ellis, vicepresidente di una di esse, la Itx. «Provate a comprare un'arancia al mercato e a scoprire da quale frutteto viene», è la sua sfida. Ma oltre a chi può solo limitarsi a rifiutare ospitalità a un sito pericoloso, c'è anche chi considera il web un far west in cui dare la caccia ai cattivi. A volte anche per motivi personali, come Rita Katz, un'ebrea irachena il cui padre fu giustiziato nel 1969 poco dopo la presa del potere da parte del partito Baath. Alla fine degli anni '90 la Katz si mischiava ai gruppi filopalestinesi per scoprire i legami tra chi raccoglieva fondi per la causa e i gruppi terroristici.
Oggi, finanziata dal governo americano, ha creato l'Istituto per lo studio degli elementi terroristici e l'Istituto di ricerca sul Medio Oriente: due organizzazioni che scovano i messaggi lasciati su internet da gruppi di miliziani e la nascita di siti estremistici. E' stata lei a scoprire - e in alcuni casi a distruggere - siti come quello delle Brigate Islambouli (su cui furono pubblicati i nomi delle due kamikaze cecene responsabili degli attentati su due aerei russi nell'agosto scorso) e quello di Jaish Ansar al-Sunna, (che mostrava i cadaveri di 12 ostaggi nepalesi uccisi in Iraq). E il confine tra l'apologia e l'istigazione è sempre più sottile. Già tre mesi prima delle stragi di Madrid, un sito web indicava nella Spagna l'obiettivo ideale per un'ondata di attentati che portasse al ritiro delle truppe dall'Iraq.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400