Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:25

GDM.TV

Allawi a Londra: nessun negoziato con i terroristi

LONDRA - Il governo iracheno non è assolutamente disposto a trattare sulla questione degli ostaggi: mentre la famiglia del britannico rapito a Baghdad giovedì, Kenneth Bigley, vive ore di angoscia, il primo ministro Iyad Allawi, in questi giorni in visita a Londra, è categorico: nessun negoziato, nè con sequestratori, nè con terroristi.
Se ieri Allawi aveva usato toni rassicuranti durante la conferenza stampa congiunta tenuta con il premier britannico Tony Blair ("Stiamo facendo del nostro meglio sulla questione degli ostaggi e speriamo di raggiungere buoni risultati"), oggi -giorno in cui scadeva l'ultimatum di 48 ore su Bigley- il primo ministro iracheno è stato molto più asciutto. Intanto, il suo collega Blair parla ormai apertamente di «nuovo conflitto iracheno» alla luce dell'escalation di violenza che ha colpito il Paese nelle ultime settimane.
«Siamo determinati a non negoziare con i rapitori e non negoziare con i terroristi. Questa è la nostra forza, nei casi di Najaf e altrove noi ci siamo rifiutati di negoziare»: ha dichiarato Allawi durante un'intervista all'emittente televisiva GMTV. Dopo il vertice di ieri con Blair, il primo ministro ha incontrato oggi il ministro degli Esteri Jack Straw e poi il ministro della Difesa Geoff Hoon.
I rispettivi ministeri non hanno commentato gli incontri, ma davanti alle telecamere di GMTV Allawi ha fatto il punto della situazione: i terroristi, ha sottolineato, «stanno entrando in Iraq da vari paesi per cercare di minare la situazione in Iraq.
Vengono dall'Afghanistan, dal Pakistan, dall'Europa, dal Marocco, dalla Siria e via dicendo».
L'Iraq, ha aggiunto, «è in prima linea nella guerra contro questi terroristi. E, Dio non voglia, se l'Iraq venisse spezzato o la volontà dell'Iraq venisse spezzata, allora Londra diventerebbe un obiettivo, Washington diventerebbe un obiettivo, Parigi diventerebbe un obiettivo, il Cairo diventerebbe un obiettivo, come abbiamo visto in passato».
Da parte sua, Blair non ha esitato a parlare di «nuovo conflitto iracheno», anche se Allawi ha tenuto a sottolineare che «non si tratta di un secondo conflitto di per sè, in realtà è un conflitto internazionale». Ieri il primo ministro iracheno aveva chiesto l'aiuto dell'Onu per garantire il successo delle elezioni di gennaio, ma il problema della sicurezza resta e, quanto agli ostaggi, scrive oggi il quotidiano The Times in un editoriale, la loro incolumità dipende solo dalla «buona fortuna».
Interpellato su questo tema, Blair si è limitato ad affermare: «non sarebbe giudizioso rilasciare commenti in questo momento, eccetto per dire che ovviamente siamo impegnati a fare quel che possiamo». Che il Governo di Londra stia trattando dietro le quinte?, si è chiesta oggi l'emittente Tv satellitare Sky News. Un portavoce del ministero degli Esteri, da parte sua, ha tenuto a precisare che i sequestratori non hanno dato alcun ultimatum ufficiale sulla vita di Bigley.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini