Venerdì 14 Dicembre 2018 | 22:10

GDM.TV

Eugenio Bennato e il progetto «Taranta Power»

Ritmo e musica, che scorrono nelle vene, che fanno parte del dna di un Sud in cui si incrociano tradizioni e culture musicali, in cui si intrecciano lingue, per nuovi percorsi che reinterpretano il passato, guardando al futuro. Tra i percorsi più interessanti, quello immaginato da Eugenio Bennato e Taranta power : due ore in cui il musicista accompagnato da altri 6 artisti e una vocalist e ballerina, presenterà il repertorio musicale di cui è autore. Il Concerto "Che il Mediterraneo sia" rispecchia coerentemente un'atmosfera mediterranea di suoni e melodie riviste ed arrangiate da Eugenio Bennato in chiave contemporanea, un progetto di grande impatto culturale e artistico dedito alla valorizzazione della taranta ed è presente sulle scene nazionali ed internazionali: raduni giovanili di massa nei C.s.o.a. (Leoncavallo inverno 1998-99, Tour promozionale nei centri sociali di Firenze, Milano, Padova, Bologna e Roma febbraio 2000), rassegne etniche nazionali (Villa Ada - Roma, Chiostro di Santa Chiara - Trento, P.zza Maggiore - Bologna…) ed internazionali (Festa Europea della Musica - Parigi, Festival Grec - Barcelona, Festival di Dubrovnik, Womad - Adelaide, Festival etnico - Hammamet- Festival Stimmen Germania - Festival Sfink Belgio - Festival di Deir el Qaram Beirut - Europe in Union Londra - Villanova Spagna - Festival du Vent Calvi Corsica- Festival Helvetica Salamanca - Izmir - Els Napolitans Barcellona - Festival des Migrations Lussemburgo - Festate Chiasso Svizzera - Festival der Kulturen Stoccarda - Festival Musicas de Europa Ainsa- Pamplona - Klinkers Festival Bruges - Festival Bardentreffen Norimberga . " La tarantella, la danza rituale dell'Italia del Sud", come ha sottolineato Bennato, " è la sintesi visiva di un universo di ritmo di favola e di storia che affonda le sue radici nell'antichissima cultura della penisola affacciata al Mediterraneo.
Oggi la danza (che conserva in alcune zone la funzione di ballo curativo contro il mitico morso della tarantola) si ripropone ad un'attenzione sempre più vasta come splendido modello di danza liberatoria e dionisiaca, collocandosi naturalmente accanto ad analoghe forme provenienti da altre regioni mediterranee (i balli del nord Africa e il flamenco, fra altri).
E' importante sottolineare come oggi la tarantella sia ballata, soprattutto al sud, dai giovani che nel rinnovato interesse per la cultura etnica scelgono i passi e i modi della tarantella come un gesto che si contrappone alla ormai ripetitiva cultura dei balli da discoteca; questo fenomeno è in espansione e può portare alla definitiva affermazione di questo ballo come elemento della tradizione vivo nel presente e proiettato nel futuro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori