Martedì 18 Dicembre 2018 | 21:09

GDM.TV

i più visti della sezione

Il «grido» del Papa contro il terrorismo

CITTA' DEL VATICANO - Il Papa denuncia lo «sconvolgente dilagare del terrorismo» e il «susseguirsi di atroci attentati alla vita umana che turba e inquieta le coscienze».
Dopo una settimana in cui, soltanto in Iraq, sono morte in modo violento più di 250 persone, Giovanni Paolo II sceglie di levare la sua voce durante la preghiera dell'Angelus contro la violenza cieca che sta sconvolgendo tante regioni del mondo.
Il Papa, che già ieri aveva parlato con toni molto preoccupati della situazione in Iraq e Terra Santa, e che ha ancora presente l'orrore della strage di bambini a Beslan, ha denunciato oggi il terrorismo, senza citare in particolare alcun paese. Nel cortile del palazzo apostolico di Castel Gandolfo davanti a un migliaio di fedeli, ha prima ricordato come «dinanzi al male, che in varie forme si manifesta nel mondo, l'uomo, afflitto e sconcertato, si chiede "perché"».
Eppure, ha poi osservato, «questa alba del terzo millennio» è stata «benedetta dal grande giubileo» ed è «ricca di tante potenzialità». Tuttavia «l'umanità è segnata dallo sconvolgente dilagare del terrorismo. Il susseguirsi di atroci attentati alla vita umana turba e inquieta le coscienze e suscita nei credenti la sofferta domanda che ricorre nei salmi: "perché, Signore, fino a quando?"».
Dopo la sua addolorata constatazione il Papa ha analizzato il problema dal punto di vista della fede, sottolineando che «Dio ha risposto a questo angoscioso interrogativo che sprigiona dallo scandalo del male, non con una spiegazione di principio, quasi a volersi giustificare, ma con il sacrificio del proprio figlio sulla croce». «Nella morte di Gesù - ha spiegato - si incontrano l'apparente trionfo del male e la vittoria definitiva del bene». Giovanni Paolo II è apparso oggi in forma discreta, ma con una notevole difficoltà nella lettura del testo. I pellegrini giunti nella residenza estiva dei papi lo hanno accolto con molto calore e lo hanno festeggiato a lungo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo