Lunedì 10 Dicembre 2018 | 23:10

GDM.TV

i più visti della sezione

Kirkuk , una strage di aspiranti guardie

BAGHDAD - Un'altra giornata e un'altra carneficina irachena scuote il paese. Bombe, colpi di mortaio, scontri, non c'è posto del paese che sia stato risparmiato dalla violenza.
Il più sanguinoso a Kirkuk con 23 morti e 67 feriti, un'autobomba che si è diretta contro decine di ragazzi in fila davanti ad un centro di reclutamento della guardia nazionale irachena. Il più crudele e incomprensibile è il colpo di mortaio lanciato contro una scuola a Baqouba, con nove persone ferite, quasi tutti studenti.
Un'altra giornata intensa, che mostra sempre di più un Iraq in ginocchio, completamente fuori controllo delle autorità ufficilali. A Kirkuk, lo scoppio ha «travolto un'affollata fila di ragazzi», ha detto il generale Anwar Muhammad Amin. «Questo è terrorismo, e tutte le vittime sono giovani iracheni che volevano solo guadagnarsi da vivere arruolandosi nella Guardia Nazionale», ha detto il colonnello Sarhat Qadir. E' il terzo attentato contro le forze di sicurezza irachene della settimana. La strada fuori dalla sede della guardia nazionale è stata seminata da pezzi di cadavere, vetri infranti e macerie, al momento dell'esplosione la gente ha cominciato a correre impazzita, urlando e chiedendo aiuto. «Ho visto una macchina dirigersi a tutta velocità contro il centro di reclutamento, poi ho sentito un'esplosione e ho visto un grande fuoco ha raccontato Asu Ahmed, un venditore di strada - ho cercato di aiutare a soccorrere i feriti».
A Baqouba, nove le persone rimaste ferite quando una granata è finita in mezzo a una folla di parenti e studenti che aspettavano davanti alla scuola i risultati degli esami in vista dell'apertura dell'anno scolastico. Il colpo è finito vicino agli uffici della segreteria proprio dove stava la maggiore concentrazione di persone.
A Baghdad, una mina è stata piazzata vicino al muro di una casa ed è esplosa al passaggio di un fuoristrada di solito guidato da stranieri, ma la macchina coinvolta è stata quella dietro su cui viaggiavano tre guardie di sicurezza, una è morta, gli altri sono rimasti gravemente feriti insieme a un ragazzino che camminava con la madre e al proprietario di un negozio che stava in piedi vicino all'entrata.
Nel nord est del paese, a Mosul, è fallito il tentativo di uccidere Muhammad Zibari, il direttore del dipartimento per la produzione del petrolio. Il suo convoglio, di tre macchine è stato attaccato da uomini armati che hanno «ucciso cinque delle sue guardie del corpo e ne hanno ferite altre quattro», ha specificato il tenente della polizia Muhammad Ali. Sulla strada dell'aeroporto tre soldati americani sono rimasti feriti quando un'autobomba è stata innescata al passaggio di una pattuglia. Un po' più a sud, a Hilla, sulla strada per Najaf, un bambino di 9 anni, figlio di un insegnante, è morto a causa dell'esplosione di una bomba piazzata vicino alla casa dei suoi genitori. Il bambino, Mustaf Mehdi Hussein, si è avvicinato all'ordigno uscendo da casa e il suo corpo è stato dilaniato dallo scoppio, ha detto il direttore dell'ospedale.
Barbara Nanan

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca