Lunedì 10 Dicembre 2018 | 10:44

GDM.TV

i più visti della sezione

Russia - Sventato attentato contro Putin

Un uomo è stato arrestato dalla polizia, ma è morto subito dopo «per un infarto»
MOSCA - Continua in Russia la stagione del terrore: ma stavolta, la polizia e i servizi di sicurezza sono intervenuti in tempo per sventare un attentato forse diretto contro lo stesso presidente Vladimir Putin.
Stando alla ricostruzione fatta alle agenzie Interfax e Itar-Tass dal portavoce dei servizi (Fsb) Serghei Ignatcenko, due autobombe avrebbero dovuto essere piazzate sul percorso che quasi ogni giorno il presidente fa per andare al Cremlino. E' stato il fermo di un automobilista sospetto a impedire che la prima fase dell'operazione andasse a buon fine.
All'una di notte, ha raccontato il portavoce, la polizia ha fermato una Zhiguli Vas2105 guidata da un uomo che «secondo dati preliminari era sotto effetto di stupefacenti». Interrogato, l'autista ha confessato di avere accettato, per un compenso di 1.000 dollari, di portare due automobili, quella che stava guidando e un'altra non meglio precisata, vicino al museo panoramico di Borodino, dove avrebbe dovuto parcheggiarle. Il museo si trova sul Kutusovski Prospekt, la via che collega il centro di Mosca all'elegante sobborgo del Rubliovskoie chaussè dove vivono Putin e gli esponenti del governo russo.
La polizia ha subito interpellato il Fsb, che ha perquisito l'automobile. A bordo c'erano due mine piazzate vicino allo sportello sinistro, un panetto di 200 grammi di tritolo sotto il sedile e una tanica contenente un liquido chiaro, ora all'esame degli esperti. Il tutto era collegato da fili elettrici che facevano capo a un'antenna munita di telecomando, forse un detonatore radiocomandato.
Stando a fonti della polizia interpellate da Interfax, l'autista - indicato dalla procura di Mosca solo con la data di nascita, 1956 - avrebbe avuto un infarto durante l'interrogatorio e sarebbe stato portato al pronto soccorso dell'ospedale Sklifosovski, dove sarebbe deceduto. Itar-Tass conferma l'arresto, ma non parla di malori o ricoveri.
Quanto alla seconda automobile, stanotte gli abitanti del Granatni Pereulok, una via nel pieno centro della capitale, sono stati fatti evacuare dalla polizia, che ha utilizzato un cannone ad acqua per neutralizzare eventuali ordigni in una Zhiguli Vas 2107 parcheggiata nella zona. Secondo Itar-Tass, a bordo comunque non ci sarebbero stati esplosivi. Altre perquisizioni, stando a notizie non confermate da fonti ufficiali, sarebbero state fatte in altre aree del centro della città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta