Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:32

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Fontana lavorava come grafico in Spagna

ROMA - Germano Fontana prima di lasciare l'Italia nel 1979 per sfuggire ad un mandato di cattura, lavorava come grafico a Milano. A Barcellona, dove si era rifugiato da alcuni anni, sotto falso nome, aveva ripreso a fare il grafico per una società specializzata nel settore.
Militante della sinistra extraparlamentare, Fontana, inizia ad avere guai con la giustizia nel 1976 quando a Milano viene identificato nel corso di una perquisizione domiciliare a carico di una sospetta fiancheggiatrice delle Brigate rosse.
Nel 1978 nel suo appartamento milanese vengono sequestrate armi e documentazione di natura eversiva, ricollegabile, secondo la Polizia, all'attività di 'Prima linea'. Colpito da un mandato di cattura si rende latitante. Nel 1981 viene condannato in contumacia dalla corte d'assise di Milano a 11 anni di reclusione per partecipazione ai 'Pac'(Proletari armati per il comunismo), condanna divenuta esecutiva dopo parziali modifiche in appello e in Cassazione nel 1996. Per la sua attività terroristica nei 'Pac', lo stesso gruppo di Cesare Battisti, Germano Fontana è stato coinvolto nelle indagini sull'omicidio del gioielliere Torregiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400