Sabato 23 Gennaio 2021 | 06:04

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Caroprezzi perché i costi fissi sono oltre il 50%

VENEZIA - I prezzi in Italia sono alti perché le tasse, i prezzi alla produzione, le bollette telefoniche, del gas e dell'elettricità costituiscono oltre il 50% dei costi fissi di una piccola attività commerciale, ma la loro incidenza cambia di paese in paese e in Italia sono tra i più elevati d'Europa.
È quanto emerge nell'analisi dell'Ufficio studi della Cgia di Mestre, secondo il quale una buona parte dei costi fissi che insistono su una piccola attività commerciale vanno poi ad incidere sul prezzo dei prodotti finali.
Per la Cgia i commercianti italiani non se la passano certo bene: la pressione tributaria in Italia è del 28,9% (data dall'incidenza percentuale di imposte tasse e tributi sul Pil) contro una media europea del 27,2%. Tra i principali paesi dell'Unione solo la Gran Bretagna sta peggio di noi con un valore del 29,4%. Francia e Germania, invece, registrano percentuali sensibilmente più basse. Rispettivamente il 27,3% e addirittura il 22,8%.
Per quanto riguarda i costi telefonici i prezzi in euro di una chiamata nazionale di 10 minuti hanno un costo in Italia di 1,22 euro a fronte di 1 euro della media UE. L'Italia (assieme alla Germania) ha un costo superiore del 22%. In Gran Bretagna l'importo è di 1,13 euro mentre in Francia è di 0,96 euro. Anche per quanto concerne il costo del gas, l'Italia è al vertice della classifica: al primo gennaio di quest'anno l'importo era di 9,47 euro per GJ (Giga Joule è l'unità di misura presa in considerazione dall'Eurostat) contro una media UE di 8,36 euro. La Germania segna un prezzo di 9,10 euro, la Francia di 9,06 mentre la Gran Bretagna di 6,52 euro. Rispetto alla media europea i nostri prezzi sono superiori del 13,2%.
Riguardo al costo dell'energia elettrica gli operatori commerciali italiani sono i più penalizzati. Il costo della bolletta al Kwh è di 0,14 euro contro una media europea di 0,10 euro. Gli italiani pagano il 40% in più rispetto alla media europea. Quasi stesso l'importo a carico dei tedeschi (pari a 0,13 euro), mentre scende per i francesi (0,09 euro) e per i britannici (0,08 euro). In relazione ai prezzi alla produzione, fatto 100 il valore riferito all'anno 2000, nel 2003 il dato Italia era pari a 103,7. Quello medio europeo a 102 mentre per tutti gli altri tre paesi presi in esame era inferiore del dato italiano. 102,1 per la Germania, e 101,3 sia in Francia che in Gran Bretagna.
«Appare evidente - dice il segretario della Cgia di Mestre Giuseppe Bortolussi - che la protesta contro il caro prezzi in Italia non può non tener conto di questi costi aggiuntivi che un piccolo commerciante italiano subisce rispetto ad un partner europeo. Non solo. I dati riferiti ai prezzi del gas e dell'energia elettrica sono al netto delle imposte. Pertanto, includendo anche queste possiamo dire con certezza che l'aggravio dei costi italiani tende ad aumentare rispetto agli altri paesi presi in esame dalla nostra analisi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400