Giovedì 13 Dicembre 2018 | 07:50

GDM.TV

«Ora si muova solo il governo»

ROMA - E' «opportuno» che in queste ore sia solo il governo «con le proprie azioni ad esplorare tutte le vie possibili» per favorire la liberazione delle due italiane rapite, Simona Pari e Simona Torretta. Lo ha ribadito il ministro Franco Frattini lasciando il Senato.
Il titolare della Farnesina ha voluto sottolineare che in questa richiesta «non c'è critica a nessuno», e che anzi «si ammira il coraggio di quanti hanno deciso di restare in Iraq nonostante i gravissimi rischi». Ma la delicatezza della situazione impone di «lavorare in silenzio e, ha aggiunto, la linea che il governo continua a tenere di «massimo riserbo è non solo un dovere istituzionale, ma anche un dovere morale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive