Lunedì 18 Gennaio 2021 | 06:17

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Il ministro Pisanu (Interno): «Dall'Ossezia a Baghdad, vedo un terrorismo in forte crisi»

ROMA - Atti come la strage di Beslan ed il sequestro delle due ragazze italiane in Iraq «non hanno razionalità politica e sono il segno di un terrorismo che sta perdendo la partita in Iraq e sta perdendo la testa e non trova più obiettivi razionali». Lo ha detto il ministro dell'Interno, Giuseppe Pisanu, in un'intervista rilasciata a Lucia Annunziata che sarà trasmessa domani nella maratona televisiva di 9 ore "Sky Tg 24: speciale America 2004". Giuseppe Pisanu
L'irrazionalità, ha aggiunto il ministro, «è segno di debolezza». L'attentato di Nassiriya, ha proseguito il ministro, «è secondo me un'azione terroristica che ha una sua evidente razionalità politica. È tesa cioè ad indebolire uno degli alleati degli Stati Uniti nella logica di isolare gli americani nello scontro con il terrorismo internazionale. Questi ultimi atti invece non hanno razionalità politica».
Il rapimento, ha rilevato, «è la cosa più facile da fare. L'attacco organizzato va progettato, richiede una sua logistica, una conduzione sul campo ed è per questo che penso che le prime azioni erano la manifestazione di un terrorismo in espansione e ben organizzato. Queste ultime iniziative minori sono di un terrorismo che si disarticola. Nel dirlo, naturalmente - ha sottolineato - non ignoro che la realtà del terrorismo in Iraq è molto complessa e lì si confondono sciiti con sunniti, gente con motivazione politica e banditi, superstiti dei servizi segreti di Saddam e avanzi del partito Baath». Tutta gente, secondo Pisanu, «che forse oggi è tenuta insieme soltanto dall'obiettivo politico di ostacolare la ricostruzione dell'Iraq e la celebrazione delle elezioni, perché l'elezione di un Parlamento e di un Governo segnerebbe la sconfitta definitiva del terrorismo».

Pisanu ha poi parlato dei servizi segreti italiani.
«Sono nettamente favorevole alla riforma dei nostri servizi di intelligence: penso che dobbiamo avere un servizio unico più compatto, più agile e più dotato di capacità di analisi e di capacità operative, e posto sotto il diretto controllo del presidente del Consiglio».
Il ministro ha definito «piuttosto macchinoso» il sistema attuale. Oggi invece, ha proseguito Pisanu, «abbiamo un servizio interno legato al ministro degli Interni, uno esterno al ministro della Difesa e poi un alto coordinamento, un alto controllo della presidenza del Consiglio: il sistema mi sembra piuttosto macchinoso».
Sui ritardi della riforma del settore, il ministro ha rilevato che «se ne sta discutendo in Parlamento, è il Parlamento che stabilisce i tempi, evidentemente c'è la mancanza di un orientamento univoco. Io penso che sia difficile trovare un largo schieramento parlamentare, ma su queste cose dobbiamo cercarlo, perché su materie delicate come questa si deve decidere al di sopra delle tradizionali divisioni tra maggioranza e opposizione».
Sul personale dell'intelligence, Pisanu ha parlato di «una certa sproporzione tra operativi e, tra virgolette, burocrati. Secondo me debbono crescere gli operativi e diminuire i burocrati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400