Lunedì 18 Gennaio 2021 | 14:59

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel Brindisino
San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

 
Potenzaa Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
BariIl caso
Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Amelio: un film contro la TV delle lacrime

«E' un film antitelevisivo che non indugia nelle lacrime per il caso umano, nel compiacimento, nel pietismo». Così Gianni Amelio, in corsa alla 61ma Mostra del cinema di Venezia, parla de 'Le chiavi di casà, che ha come protagonisti principali Gianni (Kim Rossi Stuart), nel ruolo di un padre distratto che riallaccia i rapporti con il figlio Paolo (lo straordinario Andrea Rossi), un quindicenne con gravi problemi di comportamento.
Insomma - spiega il regista al Lido - non è un film sull'handicap, ma piuttosto «un lavoro drammatico che si può guardare sorridendo».
La pellicola, una coproduzione italo-tedesco-francese (per l'Italia c'è Rai Cinema e Enzo Porcelli), è liberamente ispirata all'opera di Giuseppe Pontiggia 'Nati due voltè:
«Rispetto a questo romanzo - dice Amelio - che racconta la storia personale dello scrittore, mi sono chiesto: chi sono io per entrare in questa storia? Devo crearmelo io questo figlio handicappato, deve essere qualcosa che è nelle mie viscere».
Il film è veramente decollato con l'incontro con il giovane co-protagonista Andrea Rossi, un ragazzo con disagi, davvero straordinario per bravura, ironia e spontaneità: «Lo considero un coautore del film più che un interprete, il motore di tutto, la linfa vitale di questo lavoro», sottolinea ancora il regista. «L'ho incontrato per la prima volta in una piscina di Quarto Miglio in cui lui, con handicap, sfidava a nuoto i cosiddetti 'normalì a nuotare con una sola gamba e un solo braccio. Alla fine ha vinto lui. Quando gli ho parlato, ho subito capito che quel ragazzo mi poteva insegnare qualcosa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400