Sabato 23 Gennaio 2021 | 08:58

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa fondazione
Famiglie a rischio usura: a Foggia salvate in 186

Famiglie a rischio usura: a Foggia salvate in 186

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
BariIl virus
Casa di riposo di Bitonto assediata dal virus: maxi focolaio con 106 positivi

Casa di riposo di Bitonto assediata dal virus: maxi focolaio con 106 positivi

 
PotenzaIl caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 

i più letti

Rutigliano

Azezio (Azetium), così si chiamava Rutigliano, a dieci chilometri a sud di Bari, sorse nel periodo del basso impero romano e nell'829 d.C.
Note caratteristiche: fischietti di terracotta, l'uva da tavola "Regina", "Italia", quella da vino e grano. Il grano è stato riproposto da alcuni anni, come "antico alimento sano e nutriente". A Rutigliano sono specializzati per la produzione di grano duro senza l'uso di concimi chimici né antiparassitari. Se ne trova in commercio anche a Bari di brillato per cucina. Una volta cibo miserrimo dei contadini è oggi assurto a nobiltà tanto che sono state riesumate una ventina di ricette per preparare squisite pietanze. La tradizione del grano, (è anche un eccellente regolatore dell'intestino), è stata ripresa nei ristoranti dove si servono piatti a base di frumento e legumi, con le verdure, con le olive e persino con i frutti di mare.
Passeggiare per Rutigliano per fischietti e, a cuor contento, meglio conoscere questo delizioso centro del Barese: la torre bizantino - normanna; la chiesa Madre, dedicata a Santa Maria della Colonna in stile romanico, e nella quale è esposto un polittico realizzato nella seconda metà del Quattrocento dal Vivarini; i palazzi gentilizi Antonelli, De Franceschis, Colamussi, l'antico comune sede dell'università di Rutigliano nel XVIII secolo. A cinque chilometri in direzione di Turi c'è la chiesetta di Sant' Apollinare (XI - XII sec.)con cupole ellissoidali. Importante anche il Museo civico con reperti archeologici e il museo permanente del fischietto (tel. 080-4762210).
Da vedere anche in Via San Francesco d'Assisi,12 l'edicola di Umberto Loitile, che vende libri e giornali in un antico palmento trasformato in museo della civiltà contadina di Rutigliano.
V.S.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400