Giovedì 21 Gennaio 2021 | 08:52

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl personaggio
L’ospedale di Bergamo ha un «cuore» barese con Stefano Pirrelli

Covid 19, l’ospedale di Bergamo ha un «cuore» barese con Stefano Pirrelli

 
FoggiaL'operazione
Ricettazione e riciclaggio auto: 10 arresti a Foggia, giro da 100mila euro al mese

Ricettazione e riciclaggio auto: 10 arresti a Foggia, giro da 100mila euro al mese

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

SCHEDA - «Un ponte per...»

ROMA - «Un ponte per...» è un'associazione di volontariato nata nel 1991 subito dopo la fine dei bombardamenti della Prima Guerra del Golfo, con l'obiettivo di promuovere iniziative di solidarietà in favore della popolazione colpita dalla guerra. Con il nome di «Un ponte per Baghdad», l'associazione ha realizzato in Iraq diversi progetti di aiuto nel campo sanitario, della depurazione delle acque e nel campo educativo. Secondo quanto riferisce il sito on-line l'organizzazione ha circa 500 aderenti e comitati locali in diverse città italiane.
Dall'Iraq, l'associazione ha poi esteso la sua attività anche altrove. Nel 1999, con il drammatico evolversi della situazione nei Balcani, l'associazione ha lanciato un altro "ponte" promuovendo - tramite la campagna "Un ponte per...Belgrado" - progetti per l'invio di medicinali e presidi sanitari agli ospedali e per l'aiuto ai profughi dal Kosovo.
L'organizzazione ha avviato anche azioni di solidarietà in Medio Oriente ("Un ponte per... Chatila", a favore dei campi profughi palestinesi presenti in Libano) e in Turchia ("Un ponte per... Dyarbakir» a sostegno dei diritti della minoranza curda in Turchia).
Entrambe le due giovani rapite lavorano al progetto «Farah», un programma il cui scopo è migliorare l'educazione primaria e la partecipazione scolastica in alcune scuole di Baghdad e Bassora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400