Sabato 16 Gennaio 2021 | 01:00

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

18 casi inspiegati di ex ostaggi

BESLAN (RUSSIA) - Le autorità dell'Ossezia settentrionale sono state informate di 18 casi di ex ostaggi della scuola di Beslan che i familiari non hanno individuato tra i cadaveri portati negli obitori nè tra i feriti ricoverati negli ospedali. Lo ha affermato il portavoce del governo di Vladikavkaz, Lev Dzugaiev. In sette di questi casi - ha detto in serata Dzugaiev alla France Presse - le famiglie sostengono che gli ostaggi sono stati visti dopo lo sgombero della scuola e sono poi scomparsi.
Il portavoce ha azzardato una possibile spiegazione di tali casi affermando che, secondo gli psicologi, talvolta le persone sotto shock credono di riconoscere il loro figlio mentre si tratta invece di una persona che gli assomiglia.
Secondo Dzugaiev, essendovi ancora 115 corpi non identificati, di cui 42 in condizioni tali - ridotti in frammenti - che solo l'esame del Dna potrà permettere di riconoscere, non è escluso che i dispersi siano tra questi.
Il portavoce ha anche ventilato l'ipotesi che bambini in stato di shock - fuggiti dalla scuola in fiamme, tra crolli, sparatorie ed esplosioni, dopo oltre due giorni di prigionia sotto la minaccia di terroristi armati - abbiano potuto nascondersi in qualche cantina o altrove, terrorizzati e senza avere il coraggio di uscire. Oltre a ciò - ha aggiunto - alcuni bambini potrebbero essere ricoverati sotto altro nome, per difficoltà di accertamento dell'identità legate anche a problemi di comunicazione.
Secondo Dzugaiev, infine, potrebbero esservi errori nella lista di 260 dispersi elaborata da alcuni abitanti di Beslan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400