Domenica 17 Gennaio 2021 | 12:57

Il Biancorosso

L'intervista
Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

 
TarantoL'intervista
«Taranto cresce per cambiare il Sud»: le parole del sindaco Melucci

«Taranto cresce per cambiare il Sud»: le parole del sindaco Melucci

 
BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
PotenzaI numeri
Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Folla inferocita verso villaggio inguscio

MOSCA - La polizia russa ha fermato in questi giorni un tentativo di assalto a un villaggio inguscio organizzato da un gruppo di un migliaio di cittadini osseti inferociti. Lo riferisce oggi Radio Eco di Mosca dando la prima notizia di un episodio che segnala il pericolo di violenze interetniche nel Caucaso russo in seguito alla strage nella Scuola numero 1.
L'emittente ha sottolineato che la folla di osseti decisa a vendicarsi era composta da «più di 1.000 uomini». Essa avrebbe in particolare cercato di raggiungere case popolate da ingusci nel distretto di Prigorodny, al confine tra Inguscezia e Ossezia del Nord. «Siamo riusciti a fermarli per miracolo, dislocando in extremis cordoni di polizia», ha detto una fonte investigativa alla radio. La fonte ha aggiunto che tuttavia la situazione resta tesa e difficile da tenere sotto controllo.
L'Ossezia del Nord (in maggioranza cristiana) e l'Inguscezia (islamica) sono due regioni autonome sotto sovranità russa e sono state protagoniste di un conflitto interetnico, breve ma sanguinoso, nei primi anni '90. Il rischio di un ritorno di fiamma è legato ora al fatto che nel commando che ha sequestrato la scuola di Beslan sembra ci fossero anche alcuni terroristi ingusci, legati alla guerriglia islamico indipendentista della vicina Cecenia.
Il risentimento degli abitanti di Beslan non si ferma peraltro alle popolazioni delle regioni di provenienza dei terroristi: sempre Radio Eco di Mosca riferisce che una petizione è stata sottoscrita da numerose persone per chiedere le dimissioni del presidente osseto, Aleksandr Dzasokov, vecchio notabile sovietico e leader storico della regione, accusato di non aver saputo proteggere la sua gente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400