Sabato 15 Dicembre 2018 | 23:57

GDM.TV

Faccia a faccia con l'ex ministro dell'Economia, Tremonti (Lega Nord - Cdl)

CERNOBBIO (Como) - Seduti uno di fianco all'altro, su due bianche sedie in riva al lago di Como, Romano Prodi e Giulio Tremonti sembravano stamani due vecchi amici che si trovano e dopo tanto tempo si scambiano confidenze. Sorrisi, battute accompagnate da ampi gesti delle mani, parole a bassa voce. Ma il presidente ormai uscente della Commissione Europea e l'ex ministro dell'Economia del governo Berlusconi hanno parlato non nella privacy che avrebbe circondato due vecchi amici, ma a poca distanza da orecchi e occhi indiscreti di tanti giornalisti e a tiro di telecamere e macchine fotografiche.
Un vis-a-vis amichevole, durato oltre venti minuti, tra due politici che in passato non si erano risparmiati reciproche ruvidità.
E, alla fine, un Tremonti in vena di battute, si è sottratto ai giornalisti che gli chiedevano del contenuto del colloquio, strabuzzando gli occhi e affermando «ho un'amnesia». Quindi ridendo ha aggiunto: «non ricordo nulla e adesso sono vittima di un'aggressione mediatica».
Prodi, che nell'intervallo dei lavori aveva raggiunto il giardino e salutato calorosamente Tremonti con un «ti trovo bene, ti trovo rifiorito» tanto da fare esclamare a un divertito Fausto Bertinotti «Beh, adesso non esagerate...», subito dopo il colloquio è rientrato nella sala del convegno senza parlare.
Dopo due ore, però, ha spiegato che nulla vi era di strano nel faccia a faccia svoltosi in pubblico. «Come potete ben capire - ha detto ai giornalisti - se avessimo dovuto parlare di qualcosa di specifico l'incontro lo avremmo fatto in segreto...».
«Il mio colloquio con Tremonti - ha aggiunto - è stato un semplice ripasso dopo tanto tempo che non ci vedevamo. Abbiamo conversato di temi politici, economici e anche di questioni personali».
E quando un cronista ha stuzzicato Prodi dicendogli che il colloquio gli era sembrato tenero, lui ha replicato «riservo il termine tenerezza per altri rapporti. E poi il concetto di tenerezza lo vedo difficilmente attribuibile a Tremonti, in qualunque momento».
Le ruvidità del passato riguardavano soprattutto l'euro e l'effetto che il ministro si era trovato a dover fronteggiare: dopo una serie di battibecchi il ministro era ricorso anche ad un comunicato ufficiale, esattamente lo scorso 4 gennaio. Il «candidato Prodi - scriveva Tremonti - torna sul disastro dell'euro» ma «la prima gallina che canta è quella che ha fatto l'uovo». Il ministro ribatteva così a quanto affermato dall'allora presidente della Commissione europea in una intervista nella quale sosteneva che «pensare che i disastri dell'euro potessero essere risolti d'ufficio è contro ogni buon senso» e chiedeva «che fine ha fatto la proposta italiana di stampare la banconota da un euro come per il dollaro», riferendosi alla nota proposta Tremonti. Ma anche il Patto di Stabilità e la sua interpretazione aveva fatto discutere i due: «Mi sembra strano - diceva Tremonti - leggere che la Commissione fa ricorso alla Corte di giustizia per una interpretazione più flessibile e intelligente del Patto di Stabilità e crescita (fornita dall'Ecofin - n.d.r.), quando uno (il riferimento è a Romano Prodi - n.d.r.) parlava l'anno scorso di Patto "stupido" perché poco flessibile». E mentre Prodi annunciava che quella di fare ricorso era una decisione «dolorosa» il ministro ribatteva che era «stupido fare ricorso». Insomma uno scontro continuo che portò Tremonti a sostenere che «Prodi dice bugie» (parlando dello smantellamento del comitato Euro) e a nuovi scontri all'epoca dell'early warning all'Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini