Lunedì 10 Dicembre 2018 | 14:52

GDM.TV

i più visti della sezione

Visita lampo di Putin a Beslan

MOSCA - Il presidente russo Vladimir Putin ha compiuto oggi all'alba una visita lampo a Beslan, la cittadina dell'Ossezia del Nord dove una gigantesca presa di ostaggi in una scuola si è conclusa con un bilancio provvisorio di almeno 250 morti e circa 700 feriti. Questi i punti principali delle sue dichiarazioni.
«Non è la prima volta che l'Ossezia del NOrd è il bersaglio di attentati terroristi. La repubblica rappresenta una postazione avanzata della Russia nel sud, ma questo atto terroristico riveste un'importanza particolare perchè il bersaglio erano dei bambini».
«Tutta la Russia soffre con voi, piange e prega con voi».
«Ho dato l'ordine di bloccare gli ingressi della città, di chiudere la frontiera di Stato (con la Georgia), di effettuare controlli di identità per ritrovare le persone legate a questo atto terroristico, di chiudere le frontiere amministrative dell'Ossezia del Nord (con l'Inguscezia e la Cecenia)».
«Uno degli obiettivi principali dei terroristi a Beslan era di seminare l'odio interetnico e di incendiare il Caucaso del Nord. Chiunque sosterrà questo sarà considerato come un complice dei terroristi».
«Erano allo studio tutte le opzioni, ma l'impiego della forza non era stato pianificato. Gli avvenimenti hanno avuto sviluppi troppo rapidi, con modalità inaspettate, e i servizi speciali hanno dimostrato molto coraggio, purtroppo hanno subito pesanti perdite».
«Per venire in aiuto ai feriti, alle famiglie delle vittime, alla Repubblica e alla città, il ministro delle Situazioni di emergenza Serghei Shoigu resterà» in Ossezia del Nord. «Domani arriveranno i ministri della Sanità e dell'Istruzione».
«Bisogna stabilire le liste di tutte le persone che hanno bisogno di ricevere aiuto. Faremo di tutto per aiutare le persone, perchè siano curate e si rimettano in salute. Se è necessario mandare i bambini in convalescenza, lo faremo il più presto possibile, non appena le loro condizioni lo consentiranno. Manderemo i bambini e gli adulti in strutture mediche, affinchè si ristabiliscano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti