Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 22:23

GDM.TV

Il gruppo Alpha, gli Spetsnaz più duri

Contro i terroristi asserragliati nella scuola di Beslan, Mosca ha schierato un corpo di elite ben noto ai ceceni: quegli 'Spetsnaz' che condussero l'assalto finale per la presa di Grozny e meno di due anni fa fecero irruzione nel teatro Dubrovka.
Gli spetsnaz alpha, le truppe speciali dell'Fsb (Federalnaja Sluzhba Bezopasnosti, il servizio federale di sicurezza erede del Kgb, alle dirette dipendenze del Cremlino), hanno il compito di combattere il terrorismo in tutte le sue forme: dalle rivolte nelle carceri al dirottamento di aerei, alle azioni contro gli indipendentisti ceceni.
L'Fsb ha continuato a mantenere un ruolo primario nella salvaguardia della sicurezza e dell'unità della Federazione.
Il suo senso dello stato fu dimostrato già nel 1991, quando venne tentato un golpe contro Mikhail Gorbaciov. Allora il gruppo Alpha, subordinato al Kgb e dunque controllato da uno degli ufficiali golpisti, ricevette l'ordine verbale di assaltare il palazzo del parlamento, all'interno del quale Boris Eltsin guidava la resistenza contro il comitato golpista.
Il comandante, posto davanti al dilemma di commettere un crimine disobbedendo o commetterne un altro arrestando membri del parlamento, risolse la situazione chiedendo un ordine scritto, che nessuno dei golpisti ebbe il coraggio di firmare.
Così l'Alpha, disobbedendo, salvò la nascente democrazia.
Gli Spetsnaz (contrazione di spetsialnago naznachenija, ossia truppe per impieghi speciali) sono divisi in due gruppi, A e B, inquadrati nel Centro federale antiterrorismo, alle dirette dipendenze del primo vicedirettore dell'Fsb, Vladimir Pronizhev, sono la punta di una serie di omonimi reparti tipicamente russi. Il gruppo A, menzionato spesso come Alpha, è un'unità di antiterrorismo; il gruppo B è per l'impiego clandestino all'estero, essenzialmente con compiti d'infiltrazione in obiettivi strategici.
Gli spetsnaz sono tra le poche unità speciali al mondo a farsi le ossa, da anni, in guerra, in uno dei teatri operativi più difficili al mondo: il Caucaso. Nel combattimento ravvicinato sono micidiali. Le tattiche riflettono le tradizionali forme di lotta a corpo a corpo. Percepire la presenza del nemico, attuare costantemente l'inganno e la sorpresa sono imperativi essenziali nel loro addestramento. Gli allievi vengono preparati a ridurre da 70 a 40 battiti al minuto la frequenza cardiaca, allo scopo di attenuare le emissioni rivelatrici della loro presenza.
Gli spetsnaz provengono da ogni ambiente sociale, principalmente dalle scuole militari, oltre un migliaio, che reclutano decine di migliaia di ragazzi da 7 a 18 anni, soprattutto tra i figli e gli orfani di militari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive