Domenica 17 Gennaio 2021 | 14:34

Il Biancorosso

L'intervista
Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Foggianel foggiano
San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

 
BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Bimba scomparsa - La nonna: «E' colpa mia»

MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) - «E' colpa mia, non dovevo lasciarla sola». La nonna della piccola Denise, Maria Pipitone, non sa darsi pace. Nell' appartamento dove abita la famiglia della bimba scomparsa a Mazara del Vallo, in via Labruna, è un via vai di persone e di forze dell'ordine.
I genitori di Denise, chiusi nel loro dolore, non vogliono parlare: il padre, Toni Pipitone, di 40 anni, è un muratore, la madre, Piera, di 35, è casalinga. Una famiglia che «non naviga nell'oro», sottolineano gli investigatori, e che vive in un appartamento modesto, una palazzina a due piani dove abitano anche la nonna e gli zii della bambina.
«Non era la prima volta che giocava da sola davanti casa, qui ci conosciamo tutti, non è mai successo nulla» ripete la nonna tra le lacrime cercando lei stessa una giustificazione a una vicenda che con il passare delle ore rischia di trasformarsi in un incubo.
E quasi a conferma delle parole della donna un intero quartiere si stringe attorno ai familiari della piccola per mobilitarsi: i vicini di casa si informano, chiedono notizie, si organizzano in squadre di volontari pronte a perlustrare i vicoli della casbah di Mazara. Mentre la nonna piange e si dispera, in cielo volteggia un elicottero che perlustra la zona e da Palermo arrivano le unità cinofile della polizia, pronte a lanciarsi alla «caccia» della bimba scomparsa con in mano la foto della piccola.
Gli «indizi» forniti dalla famiglia sono scarni: Denise ha quasi quattro anni è una bella bambina bruna, con i capelli lunghi mossi, un graffio recente sotto l'occhio sinistro e una voglia scura alla base del collo. Quando è scomparsa indossava pantaloncini arancione e una maglietta verde con bordo arancione.
«Aiutateci a ritrovarla» è l'unica parola che i genitori riescono a dire, supplicando con gli occhi gli investigatori che stanno cingendo d'assedio Mazara del Vallo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400