Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 02:39

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

I cestisti azzurri contro Portorico nei quarti

ITALIA-ARGENTINA 76-75 (13-23, 35-36, 53-54)

Italia: Radulovic 16, Basile ne, Galanda 1, Soragna 6, Marconato 2, Pozzecco 17, Righetti 14, Rombaldoni, Bulleri 16, Mian, Chiacig 4, Garri. Allenatore: Recalcati.
Argentina: Sanchez 5, Ginobili 19, Montecchia 5, Oberto 4, Herrmann ne, Fernandez, Sconochini 6, Scola 19, Gutierrez ne, Nocioni 6, Delfino 6, Wolkowyski 5. Allenatore: Magnano.
Arbitri: Voreadis (Gre), Sean (Usa).
Note - tiri liberi Italia 13/20, Argentina 7/8; tiri da tre punti: Italia 7/15, Argentina 6/20; rimbalzi: Italia 32, Argentina 27. Usciti per cinque falli: nessuno. Spettatori: 12.000.

ATENE - Meglio perdere ed avere così la certezza di evitare gli Stati uniti, oppure meglio vincere e correre il rischio di incontrare gli americani? Non potendo avere molte certezze sulla loro prossima avversaria nei quarti di finale, Argentina e Italia hanno deciso di giocarsi la partita senza fare calcoli, anche se in campo non si è vista quella cattiveria e voglia di vincere che entrambe le squadre hanno mostrato in altre gare. Alla fine l'ha spuntata l'Italia per 76-75 e gli azzurri hanno così chiuso il girone con un inaspettato secondo posto.
Nessuno dei suoi compagni ha creduto a Denis Marconato, il primo a sapere della sorprendente vittoria della Cina sulla Serbia che ha escluso i campioni del mondo dai quarti di finale. «Che fare?» si sono chiesti gli azzurri. «Giochiamocela», ha risposto il coach Recalcati; e così è stato. Anche se una partita in cui l'Italia commette il suo primo fallo nell'ultimo quarto a 19» dalla sirena non può essere proprio come le altre.
Ma l'allenatore italiano assicura che «nessuno ha fatto calcoli» e che non c'era alcun motivo per non battere l'Argentina. In effetti, battere i vice-campioni del mondo è sempre una bella soddisfazione, ma è anche vero che la prima mossa è stata sua: dolorante a un'anca, Basile è stato fatto restare in panchina per 40' per averlo fresco nei quarti di finale. Al suo posto, tanti buoni minuti per Alex Righetti, che ha chiuso con 6/7 dal campo per 14 punti complessivi.
Sono state proprio le guardie l'arma vincente di Recalcati, che oggi può decisamente essere più fiducioso sul torneo degli azzurri, dopo un inizio lento con tre sconfitte che stavano per rimandarli a casa.
Dopo un primo quarto passato a rincorrere Manu Ginobili, Gianmarco Pozzecco (19 punti) e Nikola Radulovic (16 punti) hanno dato la prima scossa agli azzurri che, con un parziale di 10-0, sono tornati in partita e non si sono più fatti scappare gli argentini. Dai quattro lunghi, sono arrivati solo 7 punti complessivi, ma l'Italia non ha sofferto troppo a rimbalzo e ha chiuso con un buon 56% al tiro che le ha dato la vittoria.
Aiutato solo da Scola, Ginobili non è riuscito a vincere una partita che ha dimostrato di sentire più di altri. Nei minuti finali, Pozzecco ha piazzato due triple e Bulleri ha mantenuto la freddezza necessaria per segnare i due liberi del sorpasso. Con 2" sul cronometro, Delfino ha sprecato da sotto la palla della vittoria, per poi ricevere l'abbraccio del Poz, suo ex compagno di squadra alla Fortitudo. L'Italia se la vedrà con Portorico.

Quarti di finale, che si giocheranno giovedì 26 agosto

h.13.45 Italia-Portorico;
h.15.45 Lituania-Cina;
h.19.00 Argentina-Grecia;
h.21.30 Spagna-Usa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400